''L'arriffe'' ( A la feste di Sant Rocche)

| di Evaristo Sparvieri
| Categoria: Storia
STAMPA
Il giorno delle feste patronali, a San Salvo, venivano venduti, all'asta pubblica, i doni casarecci , che le famiglie offrivano unitamente agli oboli in moneta, per far fronte alle spese necessarie per lo svolgimento delle feste stesse. I doni venivano depositati sulla cassarmonica e c'era il banditore che con la sua tromba a corno ottonata, annunziava il prodotto, il prezzo iniziale ed anche il nome di chi, l'oggetto,aveva donato.

'' A sessante!!! A settante!!! A cente!!! Certe strille arrivene da luntane. Allore, m'avvicine piane piane: ''Ueh! ...Zi fa l'arriffe... e quanta gente''. Paulucce 'n arfiate nu mumente; strille nghi 'na butti' di vine mmane, e dice: ''Queste è di lu Capitane, è marsale, fatele stu spruvente''. Niciarelle, ch'aspette già da 'n' ore, li pache milli lire (core chi scrocche!!!) ma '' è bone ''dice' lu bannitore. La lingue j si fa gne 'na mazzocche; vomete e dice nghi nu fucore: ''Paulu' , t'haja fa 'rcurda' Sant Rocche''. Sparvieri Evaristo San Salvo, Dicembre 1947



Evaristo Sparvieri

Contatti

redazione@sansalvo.net
WWW.SANSALVO.NET -
tel. 333.6506972
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK