Natante alla deriva, per i soccorsi decisiva la posizione inviata tramite Whatsapp

Natante alla deriva, per i soccorsi decisiva la posizione inviata tramite Whatsapp

| di Redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA

Decisivo, per la concretizzazione dell'operazione di soccorso, l'invio della propria posizione tramite Whatsapp.

E' stato personale della Capitaneria di Porto di Termoli a coordinare le ricerche ed il soccorso di un uomo di 38 anni di San Salvo, che, trovandosi alla deriva a bordo di un piccolo natante gonfiabile, mentre era intento in attività di pesca sportiva nella zona di mare antistante San Salvo Marina, non riusciva a rientrare a riva a causa del vento e della corrente che lo facevano allontanare dalla costa.

L’uomo, resosi conto che non poteva rientrare autonomamente a terra, ha contattato con il cellulare il numero di emergenza 1530 della Guardia Costiera. Veniva pertanto disposto l’immediato invio della motovedetta CP 878 della Capitaneria di Porto di Termoli e della motovedetta CP 517 dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Vasto. Il naufrago, in costante collegamento telefonico con la Capitaneria di Porto di Termoli, è stato istruito ad inviare le proprie coordinate via whatsapp utilizzando lo smartphone di cui era in possesso.

L’uomo in buone condizioni di salute, è stato raggiunto e soccorso dalla motovedetta CP 517 a circa 1.5 Km al largo della costa di San Salvo.

Redazione

Contatti

redazione@sansalvo.net
WWW.SANSALVO.NET -
tel. 333.6506972
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK