Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

"Diventi davvero piccolo, servo, schiavo, quando nessuno se ne accorge"

Commento al vangelo

| di Don Andrea Manzone
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Il Vangelo di oggi tocca un tema ben preciso, nevralgico nella vita dell’uomo: il potere. Le Scritture non disdegnano di affrontare un tema che non è proprio affine alla sfera del sacro, ma che nell’uomo non raramente risveglia le forze, le passioni e i desideri che solo la fame di potere sa suscitare. «Maestro, vogliamo che tu faccia per noi quello che ti chiederemo»: la madre del potere è l’arroganza e la pretenziosità.

Eppure questi due discepoli (uno dei quali, Giovanni, verrà ricordato dalla tradizione successiva come il mistico, l’autore dello spiritualissimo quarto vangelo) non fanno altro che dare voce a un certo modo di rivolgersi a Dio; quante volte la nostra preghiera non è altro che dire a Dio «fai quello che ti dico!». Esercizio illecito di potere. In tutta questa scena stupisce la calma estrema di Gesù, di cui possiamo immaginare lo sguardo compassionevole: la misericordia non vale solo per i peccati, ma anche per i desideri storti, per la piccineria spirituale, per l’infantilismo delle domande provocanti. «Gli altri dieci, avendo sentito, cominciarono a indignarsi con Giacomo e Giovanni».

Ci piacerebbe pensare che lo sdegno sia dovuto alla pretesa quasi immorale dei due discepoli ma ci sbaglieremmo di grosso. È la reazione di chi sa di doversi accontentare delle briciole rimaste, di chi si auto-maledice per non aver avuto per primo l’idea geniale, ghost writer di un governo che si preannuncia ghiotto di vittorie. La sorella del potere è l’invidia sdegnata. «Allora Gesù li chiamò a sé».

Ogni discepolo prima o poi tenta di andarsene per la sua strada, di partire “per la tangente” del proprio io. Gesù con un gesto paterno e materno richiama di nuovo i suoi discepoli a sé. “Ecco, perirà chi da te si allontana”, afferma il salmo 72. «Voi sapete che coloro i quali sono considerati i governanti delle nazioni dominano su di esse e i loro capi le opprimono. Tra voi però non è così; ma chi vuole diventare grande tra voi sarà vostro servitore, e chi vuole essere il primo tra voi sarà schiavo di tutti». Gesù non disprezza chi vuol essere primo, non disprezza chi vuol essere grande…e non disprezza il potere, perché “potere” è “poter fare”, e poter fare è generatore del regno di Dio. Il Signore non vieta, non spezza, non frustra ma orienta il nostro desiderio.

La straordinaria grandezza del discepolo consiste nel diventare piccolo. Una piccolezza a 360° gradi; fa sorridere vedendo come il servizio (sociale, religioso, personale) sbandierato su tutti i social non sia altro che un altro modo per farsi grandi. Sotto la croce non c’erano giornalisti, scrivani o fotografi, ma quel ragazzo che effettivamente ebbe il posto in prima fila e una donna che non contava nulla. Nel cenacolo, quando il creatore del mondo lavò i piedi ai rozzi richiedenti-potere, non c’erano folle entusiaste e opinionisti, ma gente incredula e riluttante. Diventi davvero piccolo, servo, schiavo, quando nessuno se ne accorge e, alla fine, non te ne accorgi nemmeno tu perché in fondo, tra noi, “non è così”.

Don Andrea Manzone

Contatti

redazione@sansalvo.net
WWW.SANSALVO.NET -
tel. 333.6506972
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK