Legato con fascette e colpito con una pistola taser al casello A14, un arresto

| di Ansa
| Categoria: Attualità
STAMPA

C' è un tentativo di strangolamento alla base del reato di tentato omicidio aggravato con il quale di carabinieri della compagnia di Ortona e il nucleo operativo di Chieti hanno arrestato Antonio Fiabante, 51 anni, di Pieve di Doligo (Treviso), che si occupa di slot machine. Vicenda legata a un caso di aggressione avvenuto il pomeriggio di giovedì scorso in un parcheggio esterno al casello autostradale di Lanciano a danno di un 57enne di Termoli ma residente a Vasto, promotore finanziario, con interessi in Brasile. L'indagato aveva un appuntamento con un socio d'affari, divenuto poi la vittima, che è stato aggredito, legato ai polsi con fascette di plastica, colpito con scariche di una pistola taser. I due dovevano parlare di debiti e un investimento all'estero andato male per oltre 100 mila euro. L'agguato si è concluso con l'arrivo di altri automobilisti che hanno fatto scattare l'allarme.

Ansa

Contatti

redazione@sansalvo.net
WWW.SANSALVO.NET -
tel. 333.6506972
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK