Una coppia di sposi degli anni '30 ha generato tutto questo

| di Maria Napolitano
| Categoria: Curiosità
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

La famiglia è un dono meraviglioso di Dio per la persona e per la società e che produce frutti incredibili che si tramandano di generazione in generazione.

Due mesi fa due nipoti di una coppia di sposi del 1936 hanno pensato: "Perchè ritrovarsi solo nei momenti tristi? Vogliamo organizzare una bella sorpresa per i nostri genitori e fare una grande festa con l'intera famiglia dei nostri nonni?". E così le sorelle Angiolina e Tiziana, insieme alle cugine Cristina, Mirella, Vania, Catia , Daniela e Luciana si sono messe all'opera.

Hanno dapprima fissato una data, scelto il ristorante e poi organizzato il tutto come la festa di un matrimonio. Sono stati coinvolti tutti i membri delle quattro generazioni, frutti buoni di quell'amore sbocciato tra un uomo e una donna ben oltre 80 anni fa. Senza farlo apposta la data scelta è stata quella in cui la Chiesa celebra la Santa Famiglia ossia l'ultima domenica di dicembre, quest'anno il 30 dicembre!

I fratelli Colameo sono rimasti a bocca aperta quando sono entrati nel ristorante ed a loro insaputa  hanno ritrovato tutti i loro parenti. Quanto dovevano essere gonfi d'amore e di stupore quei cuori in quegli istanti!

Molti dei più piccoli neanche si conoscevano.

Una delle cugine, Mirella, ha letto una lettera preparata da Cristina per l'occasione ed ha fatto commuovere grandi e piccoli.

La figlia di Edda, Daniela Ferrante (sorella di Valdo Ferrante, uno dei camionisti più simapatici e conosciuti su Facebook) ha raccontato nei minimi dettagli la storia del parto trigemellare e di come la loro mamma fosse sopravvissuta alla morte di due delle altre due gemelle per una gastroenterite all’età di sei mesi.

La stessa Daniela, ha disegnato a mano libera un albero genealogico di tutta la famiglia.

Un filmato con le fotografie della storia di tutte famiglie è stato proiettato durante il pranzo aggiungendo ulteriore commozione e risate alla giornata.

Non è mancata la torta con la foto dei nonni e il ricordino finale realizzato da una delle nipoti che ha dormito con la nonna fino a sedici anni: un portafoto realizzato da Luciana Colameo con il panno lencio con la foto dei nonni da attaccare al frigo con un magnete. E ovviamente non mancava neanche il fotografo ufficiale dell’evento, il nipote Simone Colameo.

I nonni in questione sono Santina Angela Torricella, di orgini sansalvesi e Pasquale Colameo, originario di Monteodorisio ma nato e cresciuto a San Salvo.

Si sono sposati il 21 marzo del 1931 prima al comune e dopo 8 giorni in chiesa. In quell'epoca il rito in chiesa non era riconosciuto ed era considerato un lusso che non tutti si potevano permettere. Solitamente si andava prima al comune e subito dopo in chiesa. Ma quel giorno questo non fu possibile a causa della tantissima neve caduta in quei giorni. E così dopo otto giorni si dovettero rivestire con gli abiti nuziali per celebrare il loro matrimonio.

Da questo matrimonio sono nati 7 figli: nell’ordine Salvatore, Onorina, Edda e le altre due gemelle decedute Elena e Maria Pia, oltre a Vittorio e Remigio.

 

 

Maria Napolitano

Contatti

redazione@sansalvo.net
WWW.SANSALVO.NET -
tel. 333.6506972
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK