Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Italiani in Australia: un flusso di migranti che non accenna a diminuire

| di Redazione
| Categoria: Varie | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Non solo Stati Uniti d’America: la storia dei flussi migratori di italiani all’estero vanta una lunga lista di mete preferite, sin dagli anni del dopoguerra. L’Australia, uno dei dieci paesi più felici al mondo, occupa una posizione privilegiata di questo elenco: così come sessant’anni fa, anche adesso gli italiani dimostrano di apprezzare tantissimo questo paese. Non si tratta di vacanze o altro, ma di veri e propri trasferimenti: i cittadini tricolori che scelgono di andare a vivere in Australia sono tantissimi e non accennano a diminuire. Oggi cercheremo dunque di capire la portata di questo fenomeno, e di dare qualche consiglio utile.

Rapporto Migrantes: in ripresa l’emigrazione verso l’Australia

Secondo il Rapporto Migrantes, dall’Italia partono ogni anno circa 25.000 cittadini in direzione Australia, per andarci a vivere. È una quota che dimostra quanto gli ultimi 60 anni abbiano cambiato molte cose, ma non questo trend: anzi, il trasferimento verso questo paese è addirittura in aumento, anche se cala il periodo di permanenza complessivo. Sono soprattutto i Millennials a preferire l’Australia come meta del proprio flusso migratorio: merito delle opportunità lavorative, rese tali dalla mancata recessione economica. Quali sono le professioni svolte dagli expat italiani in Australia? Il settore della ristorazione, insieme all’informatica, è quello più gettonato: questo paese dimostra di concedere tante opportunità non solo a professionisti come i cuochi, ma anche ai manager di questo comparto.

Vita in Australia: cosa sapere e come organizzarsi?

Burocraticamente parlando, ci sono due passaggi da compiere subito: aprire un conto corrente online in Australia prima di partire, e richiedere immediatamente il TFN (Tax File Number), una volta giunti lì. Senza il secondo non è possibile ricevere alcuno stipendio, quindi va attivato quanto prima in loco. Un altro consiglio è sgravare il carico di stress portato dal trasferimento delle proprie cose: esistono società apposite come Blissmoving che si occupano dei traslochi in Australia e che aiutano sia negli aspetti logistici che burocratici. Inoltre, mai partire senza aver messo di lato un budget per coprire le spese dei primi tempi: l’Australia è un paese con un costo della vita abbastanza alto.

Quali sono le città australiane più gettonate?

Dove scelgono di trasferirsi gli expat italiani in Australia? Le grandi città come Sidney e Melbourne sono le più gettonate: nonostante i costi molto alti, sono quelle che offrono maggiori opportunità in termini lavorativi e sociali. Non sono comunque gli unici centri apprezzati dagli italiani: anche Canberra è molto amata, perché costa di meno, offre buone opportunità professionali e con stipendi al di sopra delle medie. Brisbane, invece, è l’opzione migliore per chi cerca quiete a prezzi contenuti, ma senza rinunciare alle opportunità lavorative. Infine Perth, una città con un costo della vita tutto sommato accettabile e ideale soprattutto per chi vorrebbe studiare in questo paese.

 

Redazione

Contatti

redazione@sansalvo.net
WWW.SANSALVO.NET -
tel. 333.6506972
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK