Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Centro fisioterapico Ippocrate: problemi di lombalgia?

Condividi su:

FISIOTERAPIA E RIABILITAZIONE

Centro Fisioterapico Ippocrate: problemi di lombalgia?

A cura della Dott.ssa in fisioterapia DEL VILLANO GIULIANA

 

Con il termine lombalgia s’intende comunemente un quadro clinico caratterizzato da dolore in zona lombo-sacrale; colpisce il 70-80% della popolazione sia giovani che adulti almeno una volta nella vita e tende a divenire ingravescente con l’avanzare dell’età. In base alla durata della sintomatologia, la lombalgia viene classificata in “acuta” (dolore inferiore alle 6 settimane), “sub-cronica” (dalle 6 alle 12 settimane), “cronica” (superiore alle 12 settimane).

Come riconoscere una lombalgia

In genere un episodio di lombalgia acuta si manifesta con comparsa improvvisa di dolore intenso a seguito di un movimento brusco o di uno sforzo consistente che ha interessato la schiena e può essere seguito da una contrattura muscolare antalgica che impedisce al soggetto colpito di riprendere la stazione eretta in breve tempo. Il dolore può sembrare cosi intenso da dare la sensazione di essere stati trafitti alla schiena con un pugnale; esso, inoltre, può non essere limitato alla zona lombare, ma irradiarsi verso i fianchi e i glutei, più raramente verso l’alto. I fattori di rischio comprendono: attività fisica pesante; lavoro ripetitivo anche associato a vibrazioni (es.: martello pneumatico, trapano); posture non corrette (con piegamenti frequenti, torsioni, sollevamento, tiro, spinta, posture statiche). I fattori di rischio psico-sociali includono: ansia, depressione, insoddisfazione per il lavoro e stress psicologico. Questi ultimi possono agire sulla componente muscolare (contratture), coinvolgendo la componente legamentosa e capsulo-articolare vertebrale. Prima di ogni tipo di intervento è importante che venga fatta una corretta diagnosi differenziale, soprattutto quando il dolore non è giustificato da una causa ben precisa (es. trauma diretto o indiretto). A questo punto è importante definire l’origine della lombalgia (meccanica, viscerale, neoplastica…) da parte del medico o del fisioterapista attraverso attento esame clinico e, se necessario, con l’ausilio di indagini strumentali (Rx, TC, RM…).

Dolori muscolari / Trigger point lombari

I dolori muscolari possono essere causa frequente di mal di schiena lombare. Generalmente i muscoli che maggiormente soffrono di problematiche legate a contrattura e che possono scatenare un quadro patologico sono il Quadrato dei lombi, gran dorsale, retto dell’addome, e i muscoli glutei, oltre naturalmente all’ileopsoas e il muscolo piriforme . Tali muscoli, così come tutti in definitiva, possono ospitare trigger point che sono responsabili di dolore e irrradiazione in aree anche lontane simulando a volte sciatalgia, o fastidi di altra natura. È molto importante che venga fatta una diagnosi differenziale per individuare la natura dei problemi e trattare in maniera corretta questi Trigger point. Stare troppo tempo in piedi o un movimento imporvviso in avanti possono provocare un improvviso dolore acuto che può portare a bloccarsi completamente dando vita al cosidetto “Colpo della Strega”.

Disturbi Viscerali

Spesso vengono sottovalutati i disturbi agli organi interni dell’addome, il cui mal funzionamento possono provocare sintomi che agiscono negativamente sullo stato di salute della colonna e determinare un dolore lombare acuto molto forte. Tra gli organi più interessati ricordiamo certamente i Reni, che a causa di calcolosi renale, possono produrre dolore acuto molto forte, con irradiazione lombare molto forte. Esistono delle condizioni particolari per cui non è detto che ci siano dolori talmente forti da scatenare una colica, ma la sintomatologia potrebbe essere sufficiente a scatenare un fastidio in zona lombare. Il colon, a causa di una infiammazione potrebbe irradiare posteriormente, oppure la sua vicinanza con il muscolo ileopsoas, potrebbe scatenare una infiammazione e contrattura dello stesso. Malattie del pancreas possono provocare dolore a sinistra sulla schiena, così come disturbi al fegato possono determinare fastidi a destra. L’osteoporosi, va comunque citata come malattia dismetabolica per l’incidenza nelle fratture. Contratture del Muscolo Diaframma, sono molto frequenti e data l’inserzione su L1 ed L2, una sua contrattura può scatenare il dolore

Esami di valutazione

Il nostro approccio al trattamento è suddiviso in 2 fasi:

1. Contenimento del sintomo

2. Trattamento Della causa

Contenimento della sintomatologia:

In questo caso il trattamento ha lo scopo di sorpassare la fase acuta, e migliorare l’aspetto legato al dolore infiammatorio. Sono assolutamente validi, Tecarterapia, Laser Yag ad alta potenza, e soprattutto TERAPIA MANUALE, ovvero degli interventi mirati da parte del fisioterapista per migliorare il movimento articolare e ristabilire un equilibrio muscolo-scheletrico, che probabilmente si è perduto.

Trattamento della causa

Questa fase è probabilmente la più impegnativa e necessita di un corretto studio della patologia al fine di allontanare i fattori esterni, e sopratutto mirare a migliorare la condizione generale. Ciò che mi preme considerare è che non sempre è possibile curare completamente un mal di schiena lombare, nel senso che esistono alcuni fattori meccanici, e sopratutto di usura come l’artrosi, che giovano molto della fisioterapia, ma una guarigione completa e restituzione ad una condizione perfetta risulta molto difficile. Se un soggetto ha un ernia espulsa, o una artrosi delle faccette articolari, con le terapie idonee avrà un miglioramento, ma probabilmente necessiterà di interventi riabilitativi costanti o per più cicli durante l’anno. La terapia che maggiormente giova alle persone affette da mal di schiena, è certamente la rieducazione Posturale Mezieres, una terapia che ha lo scopo di inquadrare il paziente dal punto di vista globale, andando a riequilibrare la postura e le tensioni muscolari cercando di trovare dei nuovi e più corretti schemi di movimento. Il percorso sarà probabilmente lungo, ma al termine, i risultati saranno certamente più duraturi. Citando una frase che racchiude il concetto rivoluzionario di Francoise Mezieres: “L’unica causa di ogni deformazione del corpo è il raccorciamento (inevitabile) della muscolatura posteriore”.

Conclusioni

Il Mal di schiena lombare è spesso un dolore costante, che accompagna il paziente per molti anni, tanto da diventare un compagno di vita che ci porta a pensare non vi sia rimedio. Questo approccio è sbagliato, invito tutti a non vivere nel dolore, piuttosto cercare la causa del proprio fastidio, per tornare a stare bene e in forma perché questo è possibile, non si guarisce ma sicuramente si può migliorare la qualità di vita!

 

Centro Fisioterapico “IPPOCRATE”- 0873.610452 – 333.8186855 - Via Pio IX – San Salvo

Condividi su:

Seguici su Facebook