Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Le più alte cariche del distretto Lions alla sesta 'Charter Night'

Il governatore Raffaele Di Vito: «Raccomando di fare attenzione alla comunità locale»

Condividi su:

Il Lions Club di San Salvo nei primi sei anni di vita ha fatto molta strada, ma si propone di farne ancora tanta. Sabato, i lionisti sansalvesi hanno celebrato il sesto anniversario della fondazione del loro club nel salone ben allestito del Park Hotel Gabrì che ha accolto oltre 100 convitati. Alla cerimonia commemorativa hanno preso parte le più alte cariche del Distretto Lions 108/A: il governatore Raffaele Di Vito, il 1° vice governatore Nicola Nacchia e il 2° vice governatore Franco Sami. Inoltre, il Lions guida Marcello Dassori, il presidente di circoscrizione Stefano Gravante, il presidente della zona/A Luigi Marcello e molti altri presidenti dei club viciniori.

A fare le veci del sindaco di San Salvo Tiziana Magnacca c’è stato l’assessore alla cultura Giovanni Artese. La serata è stata aperta dal tradizionale tocco di campana. Ha condotto la serata Antonio Cocozzella cerimoniere del club sansalvese, che ha invitato al microfono il presidente Virginio Di Pierro. «Non siamo più bambini - ha sottolineato Di Pierro - la fondazione del club, infatti, è avvenuto nel 2008. Sono passati 6 anni. Il club è cresciuto, ma abbiamo ancora molta strada da fare. Il motto del nostro governatore “Amicizia e solidarietà” incarna il nostro club. Non pensavo di trovare tra i lions, tanti amici. L’amicizia è sempre alla base di tutto. Stiamo facendo tante cose utili per i meno abbienti. Continueremo proprio su questa strada. Stiamo portando avanti molti service con calma e pazienza. Nel mio club non c’è mai stata competizione per le investiture. Sono convinto che nel giro di due/tre settimane tutto sarà risolto».

Il governatore Raffaele Di Vito nel suo intervento conclusivo ha aggiunto: «Sono legato al vostro club; dobbiamo essere orgogliosi di essere Lions. Fate attenzione alla comunità locale. Il motto: “Amicizia e solidarietà” non è soltanto mio, ma è di tutti voi. Il service per Wolisso (Etiopia) m’interessa personalmente. Dobbiamo lavorare tutti insieme. Sono stato a Wolisso con i Lions, la povertà di quella popolazione è spaventosa. Alcune notti non sono riuscito a dormire».

La serata è stata allietata da Silvia Mattia, cantante non vedente, con un terzo posto al Festival di Cracovia, che ha interpretato brani del suo recente repertorio. Al termine c’è stato il consueto scambio dei guidoncini e degli omaggi, oltre che la consegna di premi, di attestati e quant’ altro.
La cerimonia è proseguita con una gradevolissima conviviale.

Condividi su:

Seguici su Facebook