Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Anche la 'Valtrigno' al 25° raduno nazionale Ucis

Condividi su:

Nei giorni 10,11 e 12 ottobre si è svolto a Gussago (provincia di Brescia) il 25° Raduno nazionale di unità cinofile delle associazioni di volontariato di tutt’Italia. Il venerdì mattina sono state sbrigate le iscrizioni per le adesioni al campo ed i tanti  gruppi cinofili provenienti da regioni molto distanti tra loro,sono stati mischiati e divisi in vari gruppi di lavoro contrassegnati da un codice rappresentativo.

Gli istruttori dell’UCIS hanno valutato e visionato le capacità di ogni singola unità cinofila,dispensato consigli e tecniche specifiche per raffinare ancor più il lavoro svolto da cane e conduttore fin qui. Il Sabato è stata una giornata molto intensa,cominciata alle ore 8.00 fino alle ore 18.00 con relativo pranzo a sacco, dedicata ad attività simulative di ricerca dispersi in attitudini montane. La giornata si è conclusa con un esercitazione notturna a sorpresa. La domenica mattina le attività di ricerca si sono svolte in ambito  paesaggistico collinare e poi terminate con il pranzo di chiusura e le considerazioni finali della 3 giorni. A questo affascinante evento l’Abruzzo è stata rappresentata  dall’equipe dell’associazione “Rescue Dog” dell’Aquila e dall’unità cinofila della Valtrigno. A tal proposito abbiamo posto qualche domanda al volontario della protezione civile Valtrigno presente al raduno Vito De Filippis, che svolge in associazione la funzione di conduttore di Lucky, il cane mascotte dell’associazione sansalvese.

Quali sono state le tue osservazioni e valutazioni in merito a questa intensa kermesse addestrativa bresciana?
V.D.F.: Mettersi a confronto con persone di provenienza e preparazione diversa è sempre positivo poiché nella vita c'è sempre da imparare, specialmente in questa delicata mansione, in cui la conoscenza e l’esperienza fanno tantissimo. Confrontarsi ed esercitarsi in quest’ambito nazionale è stato davvero il massimo.

L’Ucis è un'associazione che da molti anni opera in questo settore, formata da molti istruttori, organizza eventi, simulazioni e corsi di formazione, ti chiedo quali sono state le tue impressioni in merito?
V.D.F.: Lo scopo di questa manifestazione credo ,era quello di mettere a confronto le diverse realtà di tutt’Italia è cercare di apprendere al massimo le nuove metodologie di addestramento e ricerca dispersi. L’esperienza e la bravura degli istruttori Ucis, hanno arricchito il bagaglio tecnico e culturale di ognuno di noi. Manifestazioni cosi dovrebbero svolgersi con più frequenza, a finché si possa  rendere sempre più efficiente  la nostra missione di ricercatori. 

Condividi su:

Seguici su Facebook