Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Ottavio Antenucci: “Una persona cattiva è una persona che aspetta l’occasione giusta per fare del bene”

Il presidente di Vita e Solidarietà racconta del viaggio in Sri Lanka

Condividi su:

Ogni anno alcuni membri dell’associazione Vita e Solidarietà Onlus si recano in Sri Lanka per incontrare i bambini adottati a distanza. Il progetto dell’adozione a distanza è finalizzato a dare ai bambini più poveri la possibilità di studiare (Help to study programme) e di raggiungere l’obiettivo di un posto di lavoro soddisfacente.

Ottavio Antenucci, presidente dell’associazione, mi ha raccontato dell’esperienza di quest’anno.

"Il viaggio è iniziato ancora prima di partire per preparare le cose da portare tra cui dei chupa chups per i bambini, letterine e piccoli pensierini degli adottandi. Mi sono stupito che nell’andare a comprare alcuni doni da portare nello Sri Lanka una ditta ha voluto regalare della merce a quei bambini. Siamo partiti il 2 marzo e siamo tornati il 18. Anche se è diventato un appuntamento fisso dell’associazione, ogni anno è un’emozione nuova. Ci sono sempre delle novità belle da raccontare.

Appena arrivati ci siamo appoggiati a Lansigama, presso la missione delle suore Francescane Minime del Sacro Cuore. Le suore, come sempre, sono state molto ospitali, la natura è bellissima, l’isola  è immersa nel verde di palme e di riso. Non per niente Sri Lanka significa “Isola di smeraldo.

Arrivati all’asilo di Rambewa (una delle prime opere realizzate dall’associazione), i bambini ci hanno inondati con i loro sorrisi, abbracci, musica e collane di fiori. Il calore con cui ci hanno accolto è stato davvero meraviglioso.

Abbiamo incontrato i 180 bambini (molti dei quali ormai diventati ragazzi) adottati in otto località dislocate su diversi chilometri.  Un membro del gruppo ha anche reincontrato una bambina adottata alcuni anni fa che oggi è diventata una donna sposata con una figlia piccola.

Una ragazza ci ha mostrato orgogliosamente i suoi “Certificati di Eccellenza” in inglese ed informatica che le hanno permesso di vincere un viaggio premio a Singapore, di cui ci ha mostrato le foto. Era accompagnata dalla mamma poverissima e molto orgogliosa della propria figlia. Questa ragazza mi ha dato una lettera da consegnare ai suoi adottandi in cui ringrazia la famiglia per l’aiuto ricevuto e al contempo dice che ora lei ha raggiunto un traguardo per il quale non deve essere più aiutata. Infatti quando i ragazzi dimostrano all’ultimo anno delle superiori, di valere, vengono assistiti dallo stato per il proseguimento negli studi o nella collocazione in un posto di lavoro.

Oggi, primo aprile, parte un altro progetto dell’associazione, un doposcuola e un cookery class (corso per fare dolci) a Sirigampola. Le due iniziative ci sono state poste proposte dal parroco Aisin che ha messo a disposizione i locali della parrocchia. L’associazione si preoccuperà di pagare gli stipendi ai docenti d’inglese, matematica e scienze del doposcuola dei bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni che hanno difficoltà di apprendimento.

Il corso per fare i dolci è riservato a quelle ragazze che hanno concluso la nona classe (l’equivalente della terza media) e sono in attesa di sostenere l’esame d’ingresso per gli studi superiori o vogliono imparare un mestiere.

A mio parere la scuola lì funziona meglio.  Lo Sri Lanka era una colonia inglese e le scuole risentono tuttora di questa influenza. È obbligatorio indossare una divisa. Viene data molta importanza alle discipline sportive , tant’è che molti bambini e ragazzi ci mostravano con orgoglio i certificati dei traguardi raggiunti. Sono previsti più esami per verificare il livello di apprendimento raggiunto.

Come sempre una grande forza ci ha sostenuto per tutto il periodo che siamo rimasti nell’isola. Il nostro tempo che continuiamo a donare con amore a questo progetto è un tempo che non trascorre mai; non mancano momenti in cui qualcosa si inceppa ma la tenacia e il cuore superano anche questi momenti.
 

Oltre 180 bambini anche quest’anno continuano, grazie a tante generose persone, a disegnare il loro futuro."

Foto fornite dall' Associazione Vita e Solidarietà

Condividi su:

Seguici su Facebook