Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Movimento 5 Stelle: «Compenso degli scrutatori per un’iniziativa pubblica»

La proposta dei Grillini servirebbe anche a eliminare il clientelismo

a cura della redazione
Condividi su:

Destinare il compenso di tutti gli scrutatori di San Salvo che lavoreranno durante le prossime elezioni politiche alla realizzazione di un’iniziativa pubblica: è la nuova proposta del locale Movimento 5 Stelle.
Questo comporterebbe una revisione del metodo di selezione con cui vengono individuati coloro che devono svolgere le mansioni necessarie alla raccolta del voto e al successivo spoglio delle schede, che secondo la normativa attuale sono nominati dalla commissione elettorale comunale. A San Salvo servono ottanta scrutatori.

I Grillini propongono di assegnare questo compito solo a coloro che accettino di devolvere tutto o parte del contributo previsto dalla legge per un’opera di pubblica utilità. Le condizioni da accettare sarebbero le seguenti: «Se hai reddito puoi fare lo scrutatore ma il tuo compenso lo dovrai devolvere a un’iniziativa pubblica; se non hai reddito puoi fare lo scrutatore ma accetti di devolvere il 50% del tuo compenso per un’iniziativa pubblica».
Il Comune, qualora accettasse la proposta del Movimento, dovrebbe quindi raccogliere la disponibilità dei cittadini. Nel caso in cui si raggiunga un numero superiore a quello necessario si dovrebbe poi individuare un metodo di selezione: «Si potrà discutere insieme – spiegano i sostenitori di Grillo – si potrebbe, ad esempio, procedere tramite sorteggio tra coloro che hanno accettato le condizioni o scegliere i primi ottanta che hanno dato disponibilità».

La convinzione alla base di questa proposta è che «il sistema attuale non funzioni e che potrebbe dar luogo a favoritismi e forme di clientelismo» privilegiando, quindi, anche soggetti che hanno lavori ben retribuiti e non hanno bisogno del compenso da scrutatore.

Il Movimento 5 Stelle suggerisce anche una possibile iniziativa da finanziare: «Si potrebbero realizzare dei parcheggi per le biciclette, fatti bene e sicuri, posizionati nei punti strategici della città come l’ufficio postale, il municipio, le scuole e gli stabilimenti balneari».

A giorni la richiesta dovrebbe essere protocollata in Comune.

Condividi su:

Seguici su Facebook