Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Presentata ieri la Bandiera Blu 2013 di San Salvo

Grande partecipazione al giardino botanico di San Salvo

a cura della redazione
Condividi su:

È stata presentata ieri al Biotopo Costiero di San Salvo Marina la Bandiera Blu 2013. La consegna è avvenuta prima del convegno organizzato dal Centro Studi Montagna Vastese-Valle del Trigno Le ultime spiagge sabbiose abruzzesi e molisane, un ambiente straordinario da tutelare, che ha visto la partecipazione dei massimi esperti regionali del settore. Presente in forze quasi tutto il gruppo di maggioranza e l’ex sindaco Arnaldo Mariotti con il quale iniziò l’avventura del giardino botanico.

SCELTE DIFFICILI – A consegnare la Bandiera Blu è stato il presidente della Fee Abruzzo Paolo Leonzio che in passato non ha esitato a denunciare situazioni di degrado (fu lui a portare alla ribalta il problema dell’area-parcheggio della Pilkington). Leonzio si è complimentato per il risultato e ha invitato il sindaco Tiziana Magnacca a fare sempre meglio sul fronte dell’ambiente richiamando gli esempi di alcune località marine dove turismo e salvaguardia convivono.
Il primo cittadino sansalvese nel suo intervento ha rimarcato l’importanza per San Salvo del biotopo costiero e ha promesso il raggiungimento di altri obiettivi importanti dal punto di vista ambientale e ha rivendicato alcune scelte fatte nel recente passato. «Abbiamo voluto fortemente la Bandiera Blu anche con scelte difficili – ha spiegato riferendosi al senso unico di via Montegrappa – Al primo posto abbiamo la salute dei nostri cittadini che abbiamo cercato di preservare anche con scelte costose dal punto di vista politico che hanno causato infinite polemiche sui giornali».

ASPETTI DA MIGLIORARE – Il primo cittadino, poi, si è soffermato su alcuni aspetti da migliorare. Al primo posto c’è la depurazione delle acque nel comprensorio: «Noi possiamo ancora vantare un impianto efficiente messo in opera quando alla guida della città c’era la Democrazia Cristiana. Nel territorio, però, è necessario uno scatto di reni». Sulla qualità delle acque di balneazione: «L’Arta effettua prelievi ogni 15 giorni e nei nostri tratti finora abbiamo avuto due “Ottimo” e due “Eccellente”». Su questo punto Leonzio ha annunciato che i prelievi dell’Arta verranno affiancati da quelli della Fee commissionati all’istituto Mario Negri Sud. Le prime analisi hanno confermato quelle dell’Arta.
Presente all’appuntamento anche Caterina Artese. La direttrice del giardino botanico ha rimarcato l’importanza di quest’area, unico giardino botanico tra il fiume Tronto e il Trigno, e la salvaguardia delle specie floreali. Inoltre, la Artese ha invitato il sindaco Magnacca a inserire nell’area protetta anche un’area in località ‘Marinelle’ dove sono presenti piante rare e specchi d’acqua stagionali che rappresentano un importante habitat per diverse specie animali.

 

Condividi su:

Seguici su Facebook