Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

'Nottambula 2013' pro e contro di una notte tra le stelle

Una serata colma di musica e divertimento, rovinata soltanto da qualche incivile

Condividi su:

Una notte bianca, una notte da ricordare, in un’estate in cui l’estate ha stentato a decollare, in cui i turisti erano un po’ meno turisti e un po’ più gente del posto, la Nottambula è stato l’evento che ha decretato l’imminente fine dell’estate. Tanta musica, tanto spettacolo, a partire da quell’Enzo Salvi comico da cinepanettone che ha saputo attrarre una buona porzione di pubblico con scene e sketch divertenti, per finire con esposizioni di foto, poesie, quadri e scultura nella zona della villa. Non sono mancati musica e alcol, tanto e forse troppo alcol.

Da registrare un evento, forse l’unico della serata, negativo, un gruppo di ragazzi  pugliesi, benché conti poco la provenienza, si sono aizzati contro i proprietari di un locale pizzeria lanciando sedie e tavoli che hanno finito per colpire diverse persone presenti. Un atto inconcepibile di inciviltà e maleducazione, un episodio che rafforza solamente le convinzioni erronee, ma talvolta giustificate, di chi a San Salvo non vuole né turisti né feste. In verità non si può rovinare una manifestazione per i soliti quattro incivili che esagerano, né tanto meno la si può vietare. Altri aspetti negativi sono stati l’insufficienza dei bagni chimici e dei bidoni dei rifiuti. Come spesso accade, i vicoli della città sono diventati la fogna personale dei ragazzi, la mattina si avvertiva il puzzo d’urina che aleggiava tra i vicoletti del centro storico, una diseducazione che, nel 2013, non può far altro che far riflettere.

Tornando a discorsi più lieti, da registrare la buona fluidità del transito pedonale, quest’anno è stata chiusa al traffico, e quindi destinata a stand e bancherelle, anche via Duca degli Abruzzi, facendo in modo di evitare il fastidioso ingorgo che si era creato lo scorso anno nei pressi di via Roma.  Tante le iniziative e tanti gli spettacoli, un dj a ogni angolo della strada, una band ogni 100 metri circa poi spettacoli, tanti spettacoli, dagli artisti di strada all’esibizione dei lottatori di capoeira. Infine la tanto attesa torta offerta dalla pasticceria "Il Capriccio", una torta di 6 metri di lunghezza per 3 di larghezza, dal peso complessivo di 4 quintali, il primo pezzo tagliato dal sindaco Tiziana Magnacca e poi offerto gratuitamente a tutti i presenti.


La nottata si è conclusa alle 5 del mattino, quando anche il "Bar dei Portici", Nicolino per i più, ha spento la musica sancendo la fine  dell’evento. Eppure c’erano ragazzi che ne chiedeva ancora, di fare le sei invece che le cinque, perché tanto ora più ora meno poco cambiava, ma c’erano da riaprire e pulire le strade, c’era la fretta di tornare alla cara vecchia San Salvo, di lasciarsi infine alle spalle l’estate e catapultarsi nella monotonia autunnale e invernale, perché poi i turisti se ne vanno, noi restiamo.


Si ringraziano le associazioni New Generation, In festa e la Pro Loco San Salvo che hanno organizzato l’evento, tutti i commercianti, il Comune, le Forze dell’Ordine, la protezione civile Val Trigno e i volontari della Croce Rossa Italiana.

FOTO DI GIOMIX68

Condividi su:

Seguici su Facebook