Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Un anno e mezzo di amministrazione nel resoconto della giunta Magnacca

L'ente sempre alle prese con le difficoltà economiche

Condividi su:

L’amministrazione comunale ha scelto musica e slide per un resoconto del primo anno (e mezzo) di operato. Sala consiliare piena e maggioranza (quasi) al completo (mancavano Luciano Torricella e Fabio Raspa) ieri per l’occasione.

LE CASSE PIANGONO – È il sindaco Tiziana Magnacca ad aprire la serie di interventi :«Vogliamo inaugurare un nuovo modo di interfacciarci con i cittadini».
Nella sua trattazione sono centrali il bilancio e le difficoltà economiche dell’ente. La settimana scorsa gli amministratori hanno ‘scoperto’ un ulteriore taglio di 700mila euro ai trasferimenti dallo Stato centrale: «In quattro anni i trasferimenti statali sono diminuiti di oltre 4 milioni di euro, mentre dall’altra parte le richieste dell’utenza sono cresciute».
Non mancano precise accuse alla passata amministrazione: «Lo dico senza timore di smentite. Quando ci siamo insediati, il Comune era indebitato di 1.600.000 euro da pagare alle imprese. Sono soldi spesi per opere ferme, come il cimitero e il teatro comunale. Per questo abbiamo deciso di pagare, perché un’impresa non può attendere anni. I mutui saranno estinti nel 2027. A questi vanno aggiunti altri 500mila euro di debiti fuori bilancio che smaltiremo nel 2014».

RISPARMIO E FINANZIAMENTI PUBBLICI - Il sindaco ha poi sottolineato di mettere al primo posto i cittadini evitando di aumentare le tasse locali e cercando di risparmiare su altri fronti: «Il Commissario in un anno ha usato 18mila euro per spese di rappresentanza, noi abbiamo ridotto al minimo questa voce spendendo 1.800 euro. L’ufficio Acquisti partecipa a gare telematiche per tutto ciò che serve al Comune. Inoltre, per noi è fondamentale cercare di recepire quanti più fondi possibili dai finanziamenti pubblici. Con questo criterio abbiamo i soldi per la pista ciclabile, la bonifica Bosco Motticce, la videosorveglianza ecc.

EMERGENZE Sono diverse le esigenze di San Salvo, ma Tiziana Magnacca si sofferma in modo particolare su due di queste: «È il tempo di non nascondere più l’emergenza legata all’uso degli stupefacenti soprattutto da parte dei giovani. È una nostra priorità ed è in partenza un progetto a riguardo, proprio grazie a un finanziamento pubblico».
L’altro punto critico resta quello dei rifiuti. È forte il richiamo in questo senso della Magnacca: «Non è più accettabile ancora oggi non si faccia più la differenziata e che si abbandonino i rifiuti per strada. Sono ancora tante le violazioni riscontrate dalla Polizia municipale in materia ambientale».
Il sindaco, quindi, chiude con un appello all’impegno di tutti: «Bisogna vivere la città, non limitarsi ad avere la residenza».

RIFIUTI E VIABILITÀ – Il tema dei rifiuti è stato ripreso anche dal vicesindaco Angiolino Chiacchia: «Siamo a una buona percentuale di differenziazione, il 65%, ma c’è ancora molto da fare. Nel 2014 completeremo il centro di riuso. Molti ingombranti portati nell’isola ecologica sono in ottime condizioni (o necessitano di piccole riparazioni) e possono essere riusati».
Tra i prossimi interventi c’è l’acquisto dell’ex-caserma dei Carabinieri (entro fine anno) «salvato dalle intenzioni di demolizione», il campo in erbetta sintetica in via Stingi (entro fine 2014), il miglioramento del campo di via Ripalta.
Chiacchia ha anche rivendicato la scelta di istituire il senso unico in via Montegrappa: «Ci sono 2 scuole ed era necessario intervenire. Molti cittadini ci dicono che è migliorata sotto l’aspetto della sicurezza».
Tra gli altri interventi citati c’è l’installazione su quasi tutte le scuole cittadine dei pannelli solari per raggiungere la maggiore efficienza energetica.
Infine, tra i prossimi progetti allo studio c’è quello relativo allo spazzamento delle strade (punto questo citato anche in alcune segnalazioni alla nostra redazione nei giorni scorsi): «Continuiamo a ricevere troppe lamentele riguardo alla pulizia delle strade, per questo stiamo pensando a un sistema moderno di spazzamento che implicherà regole più severe e anche un maggiore controllo su come viene effettuato il servizio».

LAVORI PUBBLICI – L’assessore Giancarlo Lippis – nell’articolato resoconto – si è soffermato sulla sistemazione delle strade: «Alcune arterie sono state aggiustate in vista dell’importante appuntamento del passaggio del Giro d’Italia (durante il quale non abbiamo sfigurato), ora procederemo con le altre. Abbiamo deciso di non procedere a macchia di leopardo ma di iniziare e completare le strade nella loro interezza».
Per la fine dell’anno Lippis ha assicurato la sistemazione dell’area esterna del teatro. Infine ha rivendicato i lavori eseguiti con le poche risorse disponibili: «Abbiamo fatto tutto con 350mila euro. Considerate che il patto di stabilità non ci permette di sforare le 850mila euro e 500mila li abbiamo impegnati per i debiti fuori bilancio».

COMMERCIO – L’assessore alle Attività produttive e Turismo, Oliviero Faienza ha ricordato gli sforzi fatti per portare nel centro storico nuova vita con le diverse iniziative (curate soprattutto dalla Pro Loco), con l’abbassamento dell’Imu per le attività commerciali del centro e con lo studio di un piano marketing.
Faienza ha anche annunciato diverse novità: «Presto partirà “San Salvo e sapori”, si potranno assaporare piatti stagionali in tanti ristoranti sansalvesi con 20 euro tutto compreso. Inoltre premieremo le attività commerciali storiche e nel 2014 metteremo mano al regolamento del commercio vecchio di 15 anni». Presto, inoltre, verrà attivato il chiosco del pesce fresco locale che permetterà la vendita in condizioni igieniche migliori (questo punto era stato accennato anche dal sindaco).
Non mancano le noti dolenti anche in questo settore; sono ancora in corso gli accertamenti, ma pare siano già state riscontrate diverse situazioni di morosità nei versamenti della Tosap (tassa che era stata abbassata dalla giunta Magnacca) e presto potrebbero scattare le revoche per il posteggio degli ambulanti che non l’hanno pagata.

SOCIALE E CULTURA – Sono i due settori che hanno ricevuto maggiori tagli. Maria Travaglini ha però spiegato «che nessun servizio è rimasto scoperto. Oltre agli interventi che hanno riguardato Centro anziani, borse lavoro ecc., l’assessore ha anche annunciato l’attivazione nel prossimo anno dell’iniziativa ‘Sos Città’, sulle emergenze sociali toccate anche dal primo cittadino.
L’assessore alla Cultura, Giovanni Artese, ha chiuso la serata «Tra tante difficoltà continua lo sforzo per la crescita culturale della città. In questa direzione va l’importante scelta dell’esternalizzazione della gestione della biblioteca comunale che – tra le altre cose – permetterà anche il prestito interbibliotecario con le altre realtà della provincia». Artese ha poi anche ricordato l’istituzione del Premio letterario e gli ottimi risultati raggiunti dall’Università delle Tre Età che oggi conta più di 500 iscritti; una quota paragonabile a quella di realtà più grandi come Vasto. Tra i prossimi interventi c’è il recupero dell’acquedotto romano (entro la fine dell’anno ci sarà l’individuazione del percorso) e il miglioramento dell’area archeologica di via San Rocco (già iniziato in questi giorni, intanto, il restauro del mosaico) sia per un miglior servizio turistico, sia per offrire ai residenti un’area maggiormente attrezzata.

 

Condividi su:

Seguici su Facebook