Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

L'obiettivo principale del San Salvo è la salvezza

Guadagna un ottimo punto contro la Virtus Cupello, ma scivola al 10' posto in classifica

Condividi su:

Il San Salvo ha concluso il match  con la Virtus  Cupello con il risultato di 1 a 1.  Un punto importante in chiave classifica. Finalmente ha interrotto  la striscia negativa.  E’ stata una gara combattuta per l’intero arco della gara.  A dire il vero  nessuno si aspettava di trovare al “Bucci” una Virtus  Cupello  ben organizzata e decisa a strappare almeno un punto.  Berardi e Sputore negli ultimi minuti di gara hanno fatto il bello e il cattivo tempo. I due guizzanti attaccanti cupellesi  con i loro scatti ripetuti hanno tenuto  sempre in apprensione la difesa biancazzurra. Il San Salvo ha una difesa meno arcigna della scorsa stagione, infatti spesso commette qualche errore di troppo.  Ventuno gol subiti in 14 partite, confermano  che il pacchetto arretrato e il centrocampo non chiudono bene i varchi agli avversari.  I biancazzurri hanno cominciato  benissimo, riuscendo perfino  a passare al 23’ in vantaggio con un  splendido gol di Antenucci,  che è tornato a segnare dopo 900 minuti di astinenza. La punta biancazzurra alla fine del primo tempo ha avuto la possibilità di mettere a segno  una doppietta, ma  invece di colpire con l’interno del collo del piede ha mandato la palla all’esterno della rete. Ha accorciato le distanze  per la squadra ospite, Berardi, uno dei migliori in campo insieme a Sputore.  Alla mezzora della ripresa, Marinelli, ha girato di testa da posizione ravvicinata, ma il portiere Ottaviano con un balzo acrobatico ha deviato  il pallone oltre la traversa.  Che dire del San Salvo? Contro la Virtus Cupello ha palesato i soliti problemi. I biancazzurri, con una maggiore accortezza in difesa, potevano scongiurare il gol di Berardi.  Purtroppo, la mancanza di un filtro e interdizione a centrocampo, non  ha permesso  alla squadra di Gallicchio di annullare le ripartenze della squadra avversaria.  Infatti, ha subito  il pareggio degli ospiti,  proprio per la scarsa  consistenza del centrocampo. Cappelletti  ha  ispirato le migliori azioni della squadra.  Izzi si è impegnato , ma in un ruolo  diverso dal suo,  non ha reso al massimo.  Antenucci  ha realizzato una bellissima rete, ma da quel momento in poi non è riuscito a svincolarsi dalla morsa dei difensori.  Marinelli  è stato ben controllato dalla retroguardia della Virtus Cupello. Felice ha dato tutto quello che aveva in corpo. Il forte difensore biancazzurro è migliorato dal punto vista del carattere. Bravo,Lupo!  La squadra sansalvese priva di Quaranta e Gancitano entrambi  appiedati per problemi fisici, non è riuscita ad esprimersi al meglio. Speriamo che tornino in campo presto. A dicembre si riaprirà il mercato;  un bravo centrocampista potrebbe risolvere i problemi del trainer  Gallicchio. La società sportiva sansalvese finora è riuscito ad operare  benissimo. Nonostante le poche risorse  di cui dispone non ha “mandato a casa” nessun giocatore. A dicembre potrebbe tornare  sul mercato. Un plauso al presidente Nicola Minicucci e ai dirigenti biancazzurri. “Contro Il Cupello dovevamo vincere  -  ha dichiarato l’allenatore Gallicchio -   abbiamo avuto più occasioni della squadra di Memmo, purtroppo non siamo riusciti a sfruttarle. Con un po’  più di attenzione in difesa avremmo potuto  evitare la rete che Berardi  ha messo a segno. Con il rientro di Gancitano e Quaranta, saremo più forti.  Il nostro obiettivo  resta  la salvezza”. La squadra biancazzurra è salito in classifica a quota 17, subendo il sorpasso del Miglianico e Francavilla. Domenica  affronterà in trasferta il fanalino di coda Vasto Marina. Al  San Salvo urge un successo.

 

Foto: Marinelli e l' ex biancazzurroTorres
 

Condividi su:

Seguici su Facebook