Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Operazione 'Scagnozzo': due sansalvesi arrestati per spaccio di droga

a cura della redazione
Condividi su:

È stata chiamata Scagnozzo l'operazione della Polizia che ha portato all'arresto di due sansalvesi con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Un nome 'preso in prestito' dal soprannome di uno dei due arrestati.

Le misure restrittive sono scattate per due uomini di San Salvo: Franco Sciartilli (41 anni) e Fabio Salvatore (37 anni).

Maggiori particolari sono stati resi noti dal dirigente del Commissariato e vice questore Cesare Ciammaichella nel corso di una conferenza stampa presso la sede di via Bachelet a Vasto.

'Teatro' dell'attività di spaccio un'abitazione di Cupello.

Salvatore e Sciartilli sono stati 'beccati' dai poliziotti, dopo una serie di controlli e pedinamenti. Fermati proprio a Cupello, di ritorno da un 'viaggio di rifornimento' in Puglia, sono stati sottoposti a perquisizione, personale e domiciliare. Addosso a Salvatore gli uomini dell'Anticrimine hanno rinvenuto droga tra cocaina (25 grammi) ed eroina (5 grammi), da confezionare e successivamente preparare per lo spaccio. Nell'abitazione dello stesso Salvatore è stato poi ritrovato materiale atto a questa preparazione. Nella casa di Sciartilli, invece, che Salvatore inizialmente aveva escluso come complice indicandolo come accompagnatore, c'erano alcune piantine di marijuana. Per entrambi le accuse contestate nel provvedimento di arresto sono di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, per Sciartilli l'aggiunta di coltivazione vietata dal Ministero della Salute (fattispecie di reato che, ha specificato Ciammaichella, può determinare una pena fino ad 8 anni).

La droga ritrovata addosso a Salvatore, sotto forma di cosiddette lische o scaglie di cocaina, avrebbe potuto fruttare, una volta preparata ed immessa sul mercato, una somma di oltre 20.000 euro.

Il movimento di tossicodipendenti che, di fatto, ha dato il via all'operazione era costituito principalmente da assuntori delle zone di Vasto e San Salvo.

FOTO DI ERCOLE MICHELE D'ERCOLE

Condividi su:

Seguici su Facebook