Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Bollette già scadute e abbonamenti cancellati: è caos Poste

L'ufficio stampa: «Probabile fine dei lavori il 14 gennaio»

Condividi su:

Il tardivo recapito dei bollettini Tarsu è stato solo un segnale premonitore. La corrispondenza sansalvese sta subendo notevoli rallentamenti a spese dei cittadini che dovranno pagare gli interessi di mora per i ritardi nel pagamento.
L’anno nuovo infatti non ha portato buone notizie ai residenti che hanno aperto le buste di bollette e utenze varie da pagare scoprendole già scadute da giorni e addirittura settimane. Tantissimi i casi: acqua, metano, elettricità, utenze telefoniche e bollettini Sky e Mediaset, tutti imbucati nella cassetta delle lettere oltre il termine indicato per il pagamento.

E tanti sono anche i casi limite raccontati da alcuni residenti più sfortunati di altri. C'è chi per ricevere la tessera Premium di Mediaset si è dovuto affidare a un corriere privato dopo due tentativi andati a vuoto con Poste Italiane. C’è anche chi ha cancellato il proprio abbonamento a riviste settimanali perché arrivavano in notevole ritardo tutte assieme. «La bolletta Metamer - racconta una cittadina - mi è stata inviata il 28 novembre e mi è arrivata il 31 dicembre. L'ufficio Metamer di San Salvo mi ha suggerito di chiamare, o recarmi di persona, ogni 15 del mese per verificare ed evitare di pagare la mora».
Il disservizio si estende anche alle raccomandate: c'è chi l'attende da inizio dicembre. Non mancano, infine, i casi di consegne errate e di residenti solerti che vanno a imbucare correttamente le lettere non destinate a loro.

Non va meglio a chi si reca nell’unico ufficio postale della città. File lunghissime fuori, al freddo, in attesa che la ristrutturazione (che doveva terminare a novembre) sia completata. La situazione è la stessa nel piccolo ufficio della marina, preso d’assalto da chi fugge dal cantiere della città.

LA VERSIONE DI POSTE ITALIANE - L'ufficio stampa di Poste Italiane, contattato telefonicamente, fa sapere che sta effettuando le dovute verifiche nel territorio e replicheranno con una nota ufficiale al più presto; il servizio non è gestito direttamente dall'ufficio postale, ma fa capo al Centro di Recapito (sempre del gruppo Poste). Intanto l'addetto stampa anticipa che i ritardi sono dovuti anche alla particolarità del periodo di fine anno e che saranno messe in campo risorse per migliorare.
Sui lavori in corso - anch'essi andati oltre la data prevista per il completamento - la data di riapertura potrebbe essere quella del 14 gennaio, ma bisogna attendere, anche in questo caso, l'ufficialità.

PROBLEMI DI ORGANICO - In attesa di una posizione ufficiale, emergono alcune indiscrezioni per quanto riguarda le difficoltà di recapito. Diversi postini titolari sarebbero in malattia e i sostituti avrebbero poca dimistichezza con le strade sansalvesi compiendo spesso giri a vuoto.

Condividi su:

Seguici su Facebook