Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Provincia, ecco le prime dimissioni pre-elettorali

Via gli assessori Petrucci, D'Amario, Monaco e Campitelli

Condividi su:

Giunta provinciale ridotta ai minimi termini, con ben quattro assessori che stamane hanno rassegnato le dimissioni lasciando l'ormai scomoda poltrona teatina. Nessuna crisi di maggioranza, ma solo una manovra propedeutica alle prossime regionali. Insomma, nella speranza di accomodarsi sulla ben pagata poltrona in Consiglio regionale, i quattro amministratori provinciali abbandonano la nave che affonda (la Provincia, ndr).

In un comunicato della Provincia si legge:
«Gli assessori provinciali Mauro Petrucci (Pubblica istruzione e politiche della formazione, Diritto allo studio, Sistema bibliotecario provinciale, Chietini nel mondo, Società ed enti partecipati), Daniele D’Amario (Attività produttive, Artigianato, Commercio e Industria, Politiche e servizi per l'occupazione e il lavoro, Centri per l'impiego, Innovazione tecnologica, Informatizzazione; in foto in basso mentre firma le dimissioni, ndr), Alessio Monaco (Bilancio e Finanze, Patrimonio, Demanio, Concessioni ed espropri, Aree interne) e Nicola Campitelli (Pianificazione territoriale, Urbanistica e Piani Territoriali di Coordinamento Provinciale (PTCP), Genio Civile, Parchi e riserve naturali) hanno rassegnato con decorrenza immediata le loro dimissioni, al fine di poter presentare la candidatura alle elezioni per il rinnovo del Consiglio regionale d'Abruzzo. Il Presidente della Provincia Enrico Di Giuseppantonio ha ringraziato gli assessori dimissionari per il lavoro svolto a servizio della nostra comunità».

E già sugli organi di informazione on-line circola qualche nome papabile per il ruolo di assessore, come ad esempio quello del consigliere Etel Sigismondi di Vasto. Un toto-poltrona che stenta a decollare però, perché alla fine si tratta di andare a scaldare una sedia in un ente ormai morto, che non ha più un soldo in cassa. Insomma, più che una promozione la nomina ad assessore sarebbe solo una rogna.

 

Condividi su:

Seguici su Facebook