Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Revocati i fondi per le palestre di via Ripalta e della marina

La riprogrammazione è prevista per l'8 agosto

a cura della redazione
Condividi su:

La decisione del neo governatore Luciano D'Alfonso di revocare i fondi europei ex Pain e riprogrammarli per agosto coinvolge anche San Salvo. Al Comune erano destinati due finanziamenti da 500mila e 300mila euro rispettivamente destinati alla realizzazione delle palestre di via Ripalta e del Rione Marina; questi sono stati revocati l'8 giugno scorso.

Il provvedimento ha avuto vasta eco in tutta la regione mettendo in allarme quei Comuni che avevano la sicurezza di ricevere i fondi. La levata di scudi è partita anche da Pescara, patria di D'Alfonso, che con quei soldi avrebbe dovuto realizzare la rete fogniaria anti allagamento. A San Salvo il campanello di allarme è stato suonato dal consigliere Nicola Argirò in occasione della seduta dell'assise civica di ieri mattina.

Il sottosegretario alla presidenza del consiglio regionale, Camillo D'Alessandro, è intervenuto qualche giorno fa per spiegare le ragioni del provvedimento. «La revoca - ha detto l'esponente del Pd - è stata necessaria perché la Direzione competente ha rilevato che la ripartizione dei fondi, effettuata dalla giunta precedente, basata su un mero riparto a livello provinciale (in parti uguali), non rispondeva ai criteri e alle modalità di programmazione codificati dal CIPE, con propria delibera n. 78/2012, che stabilisce l’obbligo della programmazione capace di descrivere le priorità e la natura strategica degli interventi».
Il consigliere, inoltre, ha spiegato che la programmazione dei fondi si prestava all'annullabilità, perché i comuni non rientranti nell'erogazione avrebbero potuto contestare l'esclusione. «La Giunta D’Alfonso è stata di fatto costretta a revocare in autotutela ripristinando la certezza della procedura amministrativa», ha concluso D'Alessandro.

Ora, entro l'8 agosto, la Regione presenterà la nuova programmazione.

LA NOTA DEI CAPIGRUPPO DI MAGGIORANZA - I capigruppo di maggioranza del consiglio comunale sansalvese ora chiedono alla Regione di non tornare indietro sulle scelte fatte dalla precedente giunta.
«Siamo sconcertati e dispiaciuti - scrivono Stefano Battista (Pdl-Forza Italia), Fabio Raspa (Gruppo Misto), Eugenio Spadano (Lista Popolare) e Luciano Torricella (San Salvo Città Nuova) - per la decisione della Giunta regionale di revocare i finanziamenti europei destinati alla costruzione dellle nuove palestre di via Ripalta e del Rione Marina che gli alunni aspettavano da tempo».
«Dal Comune di San Salvo parte l’invito all’indirizzo del presidente della Regione Luciano D’Alfonso e dell’assessore regionale al Bilancio Silvio Paolucci, perché non vengano revocati i finanziamenti europeo. Considerato che anche in un comune vicino a guida centrosinistra è stata fatta richiesta per il rifacimento del campo sintetico, ci stupirebbe se un’opera venisse finanziata e un’altra no solo perché governata da amministrazioni di colore politico diverso.
Prendiamo spunto dall’attacco bipartisan a D’Alfonso che parte da Pescara sulla destinazione degli stessi fondi per la realizzazione nel capoluogo adriatico della rete fognaria anti allagamento. Il consigliere Lorenzo Sospiri e il vicesindaco Enzo Del Vecchio si allarmano giustamente per la revoca di tali fondi e chiedono tutele per la città amministrata dal centrosinistra, vicina al presidente D’Alfonso.
Altrettanto facciamo appello da San Salvo ai consiglieri comunali del Pd di Luciano Cilli e Arnaldo Mariotti, legati al segretario regionale del Pd Silvio Paolucci nonché assessore regionale al Bilancio e al consigliere regionale del Pd eletto in questa provincia Camillo D’Alessandro, di attivarsi entrambi per non cancellare i finanziamenti destinati agli alunni delle scuole di via Ripalta e del Rione Marina»

Condividi su:

Seguici su Facebook