Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Trivelle, il Movimento 5 Stelle chiede di aprire un contenzioso con la Croazia

Interrogazione dei senatori Castaldi e Girotto

Condividi su:

«Le trivellazioni petrolifere nel mare della Croazia rischiano di metter in pericolo anche l'ecosistema marino italiano e di compromettere irrimediabilmente le attività turistiche su cui si sostengono decine di migliaia di famiglie italiane». Lo affermano i senatori del M5S Gianni Girotto e Gianluca Castaldi che in un'interrogazione urgente ai ministri per gli Affari esteri e dello Sviluppo economico chiedono «al Governo italiano di aprire un contenzioso con la Repubblica Croata per fermare lo scempio del mare Adriatico».

«Ci sono ormai evidenze scientifiche che le piattaforme a mare rilasciano fluidi di perforazione e scarti metallici, che includono sostanze tossiche, fra cui cromo, mercurio e benzene, direttamente nelle acque marine. Basterebbe questo per bloccare la follia delle perforazioni nell'Adriatico» dicono i due esponenti del M5S.

«Chiediamo al Governo di verificare la compatibilità delle attività in corso e di attivare una stretta interlocuzione con il governo croato, che ha suddiviso il 90% del proprio specchio acqueo in 29 aree di estrazione petrolifera; chiediamo se si intenda avvalersi nei confronti della Repubblica di Croazia di quanto previsto dalla Legge 3 novembre 1994, n. 640 esigendo dalla Repubblica di Croazia il diritto alla consultazione; se si intenda rispettare l'impegno preso con l'approvazione in Senato della mozione in data 2 aprile 2014».

Condividi su:

Seguici su Facebook