Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

600 firme per un cinema, Nikla e Siria in Consiglio Comunale

Consegnate le firme per l'apertura di un cinema e di un centro di aggregazione giovanile

Condividi su:

Si è svolto questa mattina il Consiglio Comunale dei ragazzi nella sala delle adunanze del municipio di San Salvo. Presente la presidente dell’Unicef Abruzzo Anna Maria Cappa Monti, che ha consegnato al sindaco l’attestato di Città amica dei bambini, titolo di cui San Salvo si fregia da oltre 15 anni.

È in questo contesto che Nikla Angelone e Siria Gattone, hanno presentato la raccolta di 600 firme, per l’apertura di una sala cinematografica a San Salvo, così come da noi narrato lo scorso aprile. Allora Nikla e Siria, parlavano della necessità di un luogo di ritrovo, per stare insieme, un centro di aggregazione, in cui interagire tra giovani, un riparo nei pomeriggi più freddi, quando la piazza, oramai gremita solo da adolescenti, diventa infrequentabile per il maltempo.

Oggi le ragazze hanno presentato la loro richiesta al Consiglio Comunale dei ‘grandi’, grazie anche al supporto della professoressa Cieri dell’Istituto Salvo D’Acquisto.
Il sindaco ha annunciato, l’imminente apertura della sala di registrazione audio del nuovo teatro, inoltre entro un paio d’anni i locali che ospiteranno temporaneamente la sede del municipio durante l’adeguamento sismico, siti in piazza Amendola, potrebbero essere messi a disposizione come centro giovanile.

Nikla e Siria hanno 13 anni, il loro impegno per un bisogno, non solo loro, ma di tutta la loro generazione, è stato davvero encomiabile, hanno superato la loro timidezza che a tredici anni pesa come un macigno e ci hanno messo la faccia. Il messaggio è giunto a chi lavora nel sociale, a consiglieri di maggioranza e di opposizione.
Sono diversi i progetti sociali intrapresi dal nostro comune, rivolti soprattutto agli adolescenti, che in questo caso senza intermediari hanno chiesto di avere un luogo per incontrarsi, che non sia una strada, ma un luogo che appartenga alla nostra comunità.

servizio di Antonia Schiavarelli

Condividi su:

Seguici su Facebook