Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Come sono stati risolti i problemi del distretto sanitario

Condividi su:

  Potrà sembrare una storia infinita, ma quando si tratta di alzare gli scudi per difendere la dignità dei nostri cittadini, non ci possono essere reticenze di nessun tipo, e in questo siamo perfettamente d’accordo con ciò che qualche giorno fa affermava San Salvo Adesso.

     Apprendiamo che il problema della mancanza di un operatore al CUP del Distretto Sanitario di San Salvo, da noi più volte segnalato, e per il quale si è impegnato in prima persona l’assessore regionale alla sanità Paolucci, verrà risolto spostando, solo per il periodo delle ferie dell’unico operatore di San Salvo, uno dei due operatori del Distretto Sanitario di Casalbordino.
     Ovviamente al termine il medesimo ritornerà a Casalbordino, e a San Salvo si ritornerà come prima, con un unico operatore che è assolutamente insufficiente per fare fronte alla mole di lavoro di San Salvo.
     Praticamente non si è cavato un ragno dal buco e la gente dovrà continuare a fare la fila, andando al Distretto alle 7 del mattino, per poi essere dislocati a Vasto: incredibile!
     Come se non bastasse, e a conferma che quello che di incredibile avviene per il nostro Distretto, c’è da rilevare che dal 15 al 22 luglio e dal 7 al 22 di agosto, quindi per 3 settimane il servizio di radiologia  rimarrà chiuso, in conseguenza delle ferie del personale dipendente. Rimarrà chiuso, quindi, nel periodo di maggiore richiesta, visto l’afflusso dei turisti, e con una Risonanza Magnetica in dotazione che già in situazione di “normalità”, lavora in maniera molto parziale, a causa della carenza di tecnici e dello specialista radiologo.
     Tutto ciò, senza ripetere che a San Salvo è inesistente il Consultorio famigliare, mancano diversi specialisti ambulatoriali, manca un ecografo etc.
     Insomma a San Salvo succede  esattamente il contrario di ciò che si dovrebbe fare nei confronti della sanità territoriale pubblica, anziché finanziare la sanità ospedaliera  privata, come è stato fatto di recente dalla Regione Abruzzo.
    Ci dispiace,  e non riusciamo a comprendere i motivi di questa reiterata presa in giro nei confronti dei nostri concittadini, e di quelli del comprensorio che gravitano su San Salvo.
    Che sia una congiura, o soltanto disattenzione è difficile dirlo, ognuno può scegliere quale delle due. Certamente non possiamo accettare che San Salvo, e il Distretto Sanitario vengano trattati in questo modo e ci attiveremo in tutte le maniere  affinchè i diritti dei nostri concittadini siano rispettati e che a loro sia data pari opportunità rispetto al resto della Regione.
San Salvo, 10 luglio ’15

FORZA ITALIA
LISTA POPOLARE
SAN SALVO CITTA’ NUOVA

Condividi su:

Seguici su Facebook