Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

L’uva settembrina, è fragola zuccherina

Previsioni meteo del week end

Condividi su:

Per il fine settimana è previsto bel tempo con cielo sereno o poco nuvoloso.

Una rimonta dell'anticiclone nord-africano, forse solo temporanea, è attesa nel corso del prossimo week-end e ciò dovrebbe portare ad un cambio di circolazione, con il ritorno delle correnti da sud che trasporteranno aria calda di matrice sub-tropicale.

Oggi venerdì sarà caratterizzata da una nuvolosità sparsa. Nel pomeriggio, intorno alle ore 17, è possibile poter vedere il sole senza velaturae. Le temperature si aggireranno tra i 17 °C e massima di 24 °C. I venti saranno deboli e moderati. Il mare sarà mosso nelle prime ore del mattino e poco mosso per il resto della giornata.

Sabato sarà all’insegna del sole e un rialzo delle temperature sino a 27°. Ci potrà essere qualche velatura in serata. Le temperature saranno comprese tra 17°C e 27°C. I venti soffieranno da levante con intensità di 8 km/h e saranno fondamentalmente moderati. I mari saranno per lo più calmi.

Domenica ci sarà un ulteriore rialzo delle temperature che si aggireranno tra i 18°C e i 29°C. Ci potrà essere qualche velatura tra le prime ore del mattino e a metà pomeriggio. I venti saranno prevalentemente moderati e soffieranno da Est-Sud-Est con intensità di 13 km/h. I mari saranno calmi e poco mossi in serata.

Spesso a settembre si comincia a raccogliere l'uva. Anch'io andavo a raccogliere l'uva nel vigneto della mia famiglia. Questo è uno dei periodi più belli per stare in campagna: il clima è mite e si sta bene all'aperto. Mio padre aveva un vigneto a capanna e quindi quando si tagliava l'uva per inserirla negli appositi imbuti si volgevano gli occhi al cielo. Spesso si poteva ammirare un cielo azzurro che ti riempiva il cuore nonostante la fatica. A sera le spalle erano tutte indolonzite a forza di stare sempre con le braccia in alto e a caricare le cassette d'uva per svuotarle nel carrettone. Ma anche se il fisico era stanco l'animo era riempito dalla bellezza della natura. Uno dei ricordi più belli che ho dei miei genitori è proprio in un giorno di questi. Dopo la scuola io e i miei fratelli (come eravamo soliti fare in questo periodo) raggiungemmo i nostri genitori in campagna. Mia mamma solitamente preparava e portava il pranzo dalla mattina stessa. Quel giorno nella fretta lasciò tutto a casa ma se ne rese conto solo quando arrivammo noi. Giunta l'ora di pranzo, dopo una mattina intera di lavoro, diciamo che avevamo un po di appetito !  Provvidenzialmente passò di lì un pescivendolo con delle orate freschissime. Ed ecco che su due piedi mia madre arrostì quel pesce e lo mangiammo e disse una frase che soleva ripeterci sempre ma a cui non facevo mai caso più di tanto: "a tutto c'è una soluzione solo alla morte non c'è". Io non sono mai stata una grande amante del pesce ma quel giorno lo mangiai molto volentieri e con gusto. 

Condividi su:

Seguici su Facebook