Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

La Banca Etica al Mattioli, perché "il mondo non cambia con la tua opinione ma con il tuo esempio"

Interessante incontro promosso dal professor Angelo Pagano

Condividi su:

Questa mattina presso l'Istituto Superiore Mattioli, si è tenuto un incontro con la Banca Etica Abruzzo.

Il professor Angelo Pagano, ha invitato i soci della Banca per far esporre ai giovani studenti, i motivi di un sistema bancario diverso, "perchè le banche non possono essere considerate solo da un punto di vista tecnico, ma soprattutto etico".

Sono intervenuti Alberto Perfetti un cosiddetto "socio valutatore", colui che esamina i progetti da finanziare, affichè siano eticamente combacianti con quanto la Banca Etica si propone. Ha spiegato agli sudenti del Mattioli il motivo della scelta di una Banca Etica, che usa il denaro per  creare un sistema di raccolta e impiego del risparmio tra soci privilegiando chi si trova in situazioni di difficoltà e proporre progetti con finalità sociale, perchè come ha affermato Alberto Perfetti citando lo scrittore Paulo Coelho "il mondo non cambia con la tua opinione ma con il tuo esempio".

Nata nel 1994, i suoi soci fondatori furono le ACLI, l'AGESCI, l'ARCI e tante altre associazioni che lavorano nel sociale da decenni. (leggi)

Interessanti gli interventi degli altri due soci di Banca Solidale la dottoressa Irma Castelnuovo, che rivolgendosi ai ragazzi ha affermato che il benessere di una persona non può essere considerato solo un fatto fisico, ma soprattutto relazionale, "la malattia peggiore è la solitudine. La cosa peggiore che poteva accadere in Italia è stata l'aziendalizzazione delle ASL, creando una disumanizzazione delle cure. Si sta faticosamente tornando indietro oggi, ma con molte difficoltà. Per questo è necessario curare le persone anche attraverso istituzioni come la Banca Etica, attraverso politiche ambientali, urbanistiche, economiche".

Infine l'intervento di Luciano Sasso, ex ricercatore del Mario Negri Sud, che ha spronato gli studenti a ricercare una terza via, se un cambiamento ci sarà, avverrà solo attraverso gli stili di vita. "Non fatevi dire chi dovrete diventare, anticipate il vostro futuro, coltivando la curiosità".

Un incontro interessante, dunque, al quale gli studenti hanno risposto in modo partecipe. Studenti dell'ITE, che apprendono nei cinque anni di studi le nozioni teoriche dell'economia e del diritto, che grazie a professori come il professor Angelo Pagano, hanno l'opportunità di incontrare queste realtà, che escono dagli schemi dell'economia tradizionale, offrendo la visione di un credito che non sia necessariamente "interessato" solo al denaro del proprio "cliente", ma anche al suo benessere e a come i suoi soldi vengono investiti.

 

 

Condividi su:

Seguici su Facebook