Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Piazza Artese, un rischio per i bambini che escono da scuola

Lettera aperta di un nonno

Condividi su:

Egr.direttore,

la mia non vuole essere  nè retorica e nè pedanteria,ma solo costatazione di fatto.  

Purtroppo sono costretto a ritornare sull'argomento del rischio che i bambini corrono uscendo dalla scuola di via De Vito.                                                          Oggi verso le ore 13.20 mentre tornavo a casa con il mio nipotino,nella zona dei parcheggi riservati alla farmacia Di Croce,un automobilista frettoloso e incauto, stava facendo la retromarcia, senza curarsi minimamente di chi passava.Io ed il mio nipotino stavamo transitando in quel preciso momento,convinti che si sarebbe fermato, invece incurante, ha proseguito la manovra; se io non  avessi battuto due tre volte sul lunotto dell'auto,ci avrebbe investiti.

Ci siamo fermati e gli ho fatto notare che dovrebbe stare più attento e che dovrebbe dare la precedenza ai bambini. Per tutta risposta l'automobilista molto urtato è sceso dalla macchina e si messo ad urlare, dicendomi  che non è lui che deve stare attento, bensi chi gli passa dietro. Io non ho replicato, poichè la mia educazione e la mia età non mi portano mai a trascendere, in qualsiasi circostanza.

Per venire al dunque, dopo ripetuti appelli e segnalazioni non c'è stato nessun riscontro in merito, da parte dei sevizi competenti.(Polizia Municiapale e Amministrazione Comunale). All'episodio hanno assistito molti genitori; ora io mi chiedo  forse si  aspetta che  succeda qualche incidente serio per fare qualcosa? Non sarebbe meglio prevenire,con il divieto di circolazione,dalle ore 13.10 alle ore 13.35, nella piazza e nei dintorni della scuola, per garantire la sicurezza e la tranquillità di tutti.                                                                                                     

Ah !! Dimenticavo è notorio, il nostro è un paese dove i provvedimenti purtroppo si prendono sempre dopo. Probabilmente l'Amministrazione Comunale in questo momento ha ben altro a cui pensare, però è altrettanto vero che l'incolumità e la tutela dei cittadini e sopratutto quella dei più piccoli è un diritto sacrosanto e la responsabilità è di chi amministra.                                                                            

Mi auguro che qualche segnale arrivi, altrimenti in futuro, con il  coinvolgimento di altri genitori, vedremo cosa è necessario fare per sensibilizzare gli addetti ai lavori.       

                

 

Condividi su:

Seguici su Facebook