Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Il Mattioli premia i meritevoli nel ricordo di Giovanni D'Aurizio

XXV Premio D'Aurizio nel ricordo di un dirigente che fu d'esempio

Condividi su:

Il XXV Premio Giovanni D'Aurizio ha premiato anche quest'anno i meritevoli dell'Istituto Professionale del Istituto Superiore Mattioli di San Salvo. Un premio istituito per ricordare un dirigente Giovanni D'Aurizio, che dal 1963 al 1990 fu a capo dell'Istituto Professionale, considerando i suoi studenti un investimento per il futuro.

E' per questo che la sua vedova Nicoletta D’Aurizio decise 25 anni fa di istituire questo premio affinchè la volontà di suo marito di investire su questi ragazzi proseguisse.

Ieri sono stati premiati Nicole Brandone, Cirstinoiu Alexandru Daniel, Giacomo Turdò, Stefano Grimaldi, Daniele Lucci, Luca Meo, per l'anno scolastico 2014/2015.

A loro sono state donate borse di studio dalla signora D'Aurizio,

Presente all'iniziativa anche un ex alunna, oggi imprenditrice, Dorina Di Ninni, che ha sottolineato l'importanza dell'alternanza scuola-lavoro, di cui lei stessa ha avuto modo di usufruire frequentando il Mattioli.

Hanno testimoniato la loro esperienza presso la Pilkington Italia alcuni dei 12 ragazzi che quest'anno sono ospitati da quest'anno dall'importante azienda del territorio, per uno stage triennale.

Il Mattioli, da sei anni ha messo in atto ciò che da quest'anno è diventato legge con la L. 107/2015, ossia stage aziendali per gli studenti. Sono oltre 40 le aziende che ogni anno ospitano decine di studenti del Mattioli, per indirizzarli al mondo del lavoro, aziende piccole e grandi che costituiscono la ricchezza di questo territorio, la sua struttura economica, insieme alle grandi aziende, la stessa amministrazione comunale ogni anno ospita nei suoi uffici gli stagisti del Mattioli.

Un progetto fondamentale per gli studenti, come ha ribadito la Di Ninni, per non trovarsi dopo il diploma senza alcuna idea di quali siano le regole del mondo del lavoro.

Presente anche l'Università delle Tre Età di San Salvo, che attraverso la sua presidente Vania Perrucci, ha lodato l'apertura dell'Istituto, che ha messo a disposizione le sue aule per le attività dell'associazione. Una collaborazione che si è conclusa con la donazione di un videoproiettore all'istituto da parte dell'Università delle Tre Età.

 

 

Condividi su:

Seguici su Facebook