Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Furto sventato in area di servizio sulla A14 dalla Polstrada

Oltre 30 mila euro di refurtiva recuperata

Condividi su:

Sempre attenta l’attività di pattugliamento dell’A14 da parte del personale della Sottosezione Autostradale di Vasto Sud, coordinato dall’ Isp. Capo Antonio Pietroniro, nel contrastare i furti ai danni degli autotrasportatori in sosta nelle Aree di Servizio. Erano circa le 01.00 della scorsa notte, quando la Sala Operativa riceveva la notizia che presso l’Area di Servizio Trigno Ovest, sita sul territorio del comune di Montenero di Bisaccia (CB), alcuni malviventi incappucciati stavano trafugando la merce trasportata sul rimorchio di un TIR in sosta caricandola su un autocarro di colore bianco. Solo pochi minuti e la pattuglia di vigilanza stradale composta dagli Assistenti Capo PICCIRELLI Giuseppe e COLUCCI Raffaele, immediatamente allertata si portava sul posto, giunto in tempo per notare l’allontanarsi di un autocarro tipo frigo di colore bianco a forte velocità. Intuendo che si trattava del veicolo utilizzato per il furto, senza indugio alcuno si poneva al suo inseguimento e dopo pochi chilometri raggiungeva il veicolo in fuga.

Gli Agenti intimavano l’alt al conducente dell’autocarro, il quale per evitare di essere fermato, inziava a compiere manovre azzardate, spostandosi repentinamente sui lati della carreggiata per evitare l’affiancamento della pattuglia; quindi il conducente, vista ormai preclusa ogni via di fuga, bloccava  l’autocarro sulla corsia di sorpasso, saltava giù dall’abitacolo e si dava alla fuga mentre gli Agenti erano impegnati a garantire la sicurezza degli ignari automobilisti in transito, segnalando prima e rimuovendo poi l’autocarro dalla carreggiata.

All’interno dell’autocarro, nel vano carico, veniva rinvenuta tutta la refurtiva costituita da 250 colli di prodotti per la casa e per la cura della persona per un valore di circa 30.000 (trentamila) Euro.

La merce recuperata è stata restituita al leggittimo proprietario mentre l’autocarro le cui targhe sono poi risultate false è stato sottoposto a sequestro per le indagini volte alla identificazione dei colpevoli.

Condividi su:

Seguici su Facebook