Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Terremoto nel centro Italia

Scosse di 5.4 e 5.3 di magnitudo a L'Aquila

Redazione
Condividi su:

Una prima scossa di terremoto alle 10.25' ha interessato la provincia dell'Aquila. La scossa sembra abbia superato il quinto grado della scala Richter sembra 5.3 di magnitudo. Ed è stata avvertita in modo chiaro anche nel Vastese.

Un ora più tardi alle 11,14 e alle 11,25 altre due scosse rispettivamente di magnitudo 5.4 e 5.3 

Raggiungere le zone colpite dal sisma diventa ancor più arduo considerate le avverse condizioni meteo e i veri e propri muri di neve. Requisiti trattori a privati, per poter raggiungere le zone più isolate.

Tutte le stazioni dell'A24, l'autostrada che collega Roma, L'Aquila e Teramo, sono state chiuse.

Le Ferrovie dello Stato hanno deciso lo stop dei treni, per verifiche, sulle tratte ferroviarie Terni-Rieti-L'Aquila-Sulmona (fino alle 17) e Sulmona-Avezzano (fino alle 19).

Dalle notizie Ansa si apprende che le tre scosse a Teramo hanno reso necessaria l'evacuazione della Prefettura, dove era in corso una riunione operativa del Centro Coordinamento dei Soccorsi dopo l'arrivo dell'Esercito per l'emergenza neve. Una delle tre scosse si è verificata durante l'evacuazione. Panico tra la gente.

Nel capoluogo di regione, sono stati evacuati gli uffici comunali e molte aziende sono state chiuse a causa dello sciame sismico: tra queste lo stabilimento 'Leonardo' (ex Finmeccanica), i cui 120 dipendenti erano già stati fatti uscire temporaneamente dopo la prima scossa.

A Pescara, invece, sono stati evacuati gli uffici della Giunta Regionale, gli uffici regionali di Abruzzo Sviluppo, il Tribunale, la sede della Provincia e l'azienda Fater dove l'evacuazione è facoltativa e altri uffici pubblici. Le scuole nei quattro capoluoghi di provincia e in molti comuni erano già chiuse per il maltempo.

Notizie in aggiornamento.

Condividi su:

Seguici su Facebook