Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Abbattimento della chiesa di San Nicola, decisione presa senza alcun dialogo

"Si dialoghi fraternamente, non è stato ascoltato o coinvolto nessun organismo parrocchiale"

Condividi su:

Il Consiglio Parrocchiale di Azione Cattolica della parrocchia San Nicola Vescovo in San Salvo, all’unanimità, esprime forti perplessità e preoccupazioni in merito alla ventilata demolizione dell’edificio di culto esistente a favore di una nuova costruzione. In particolare:

  • non appare credibile che il costo della ristrutturazione della chiesa attuale, costruita meno di quarant’anni fa, possa risultare superiore ad un abbattimento con successiva edificazione;
  • appare poco serio, per lavori di questa portata, aver ascoltato la voce di un unico tecnico che non è riuscito a dare altra soluzione;
  • non sono stati indicati tempi di realizzazione che andrebbero ad influire negativamente sulle attività della parrocchia, già duramente provata nella pastorale ordinaria;
  • non è stato ascoltato o coinvolto nessun organismo parrocchiale se non il Consiglio degli Affari Economici Parrocchiale, che pure aveva espresso parere negativo (due membri su tre);

il Consiglio, pertanto, senza negare il bisogno di effettuare lavori di consolidamento ed impermeabilizzazione sulla struttura esistente, chiede al parroco, don Michele Carlucci, al Vescovo al quale è stata girata la pratica, Mons. Bruno Forte, e all’intero Collegio dei Consultori della Diocesi di Chieti - Vasto un veloce ripensamento volto a valutare meglio la situazione dell'edificio nell'intento di salvaguardare l’unità di una comunità parrocchiale, la sua sicurezza, e l’inutile sperpero di denaro che farebbe comodo ad altre situazioni ben più urgenti.

Il Consiglio rimane a disposizione per un confronto fraterno, certo che nel dialogo si celi la giusta soluzione che riesca ad armonizzare le diverse posizioni.

Condividi su:

Seguici su Facebook