Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Chiudersi fuori dalla porta di casa: come risolvere il problema e come prevenirlo

Condividi su:

A chi non è mai accaduto di restare chiuso fuori casa perché la porta d’ingresso si è chiusa quando si era dalla parte sbagliata? Dimenticare le chiavi all’interno quando si esce a buttare la spazzatura per esempio è un grosso problema, perché non si sa proprio più come rientrare. I modi per aprire la porta ci sono, ma non si tratta di metodi semplici e non sempre la porta resta immacolata e senza danni. Come fare quindi? La cosa migliore sarebbe quella di lasciare sempre un doppione delle chiavi a qualche parente o ad un vicino fidato. Se tuttavia questa possibilità non c’è e le chiavi sono state dimenticate dentro casa o, ancora peggio, se si sono perse chissà dove, bisogna trovare un modo per risolvere il problema.

Quando si rimane chiusi fuori casa

Le serrature sono sistemi che permettono di entrare e uscire, di stare tranquilli e sicuri, ma talvolta possono diventare abbastanza irritanti quando non funzionano bene o se le chiavi rimangono dal lato sbagliato della porta chiusa. L’ultima spiaggia per affrontare il problema è lo scasso e l’abbattimento della porta, ma prima di arrivare a questo ci sono altre opzioni da provare. Lasciamo questi metodi solo a situazioni di emergenza. Altri sistemi per aprire la porta ci sono, non sono facilissimi però. Proprio per questo è necessario provare e riprovare sino a quando non si è appreso il metodo giusto.

I suggerimenti che seguono sono da prendere un po’ con le pinze quindi, non perché non funzionino, ma perché bisogna aver fatto un po’ di esperienza e come per tutto la cosa richiede allenamento. A meno che non giochiate a guardie e ladri con i vostri figli ogni settimana provando la tecnica, è probabile che l’applicazione non riesca quando occorre. La cosa migliore da fare se la porta si chiude lasciandovi fuori, è comunque sempre quella di chiamare un professionista, cioè un fabbro. Questa figura è preparata e qualificata per intervenire e non danneggerà la vostra porta. Per un’operazione di questo genere il costo è davvero minimo, variabile di poco da città a città. Per avere una cifra più precisa è sufficiente richiedere un preventivo per un fabbro a Milano, se siete della città o nella vostra zona.

Metodi per aprire la porta senza le chiavi

Chiave a urto: questi oggetti sono particolari chiavi che si inseriscono in tutte le serrature. Il loro utilizzo richiede un po’ di pratica, anche perché nella maggior parte dei casi possono danneggiare la serratura della porta. La chiave va infilata sino al penultimo perno e poi va spinta a forza nell’ultimo con un martello. In questo modo i perni saranno allineati forzatamente. Girando subito la chiave la porta dovrebbe aprirsi.

Kit da scasso: gli utensili per scassinare una porta non sono facilmente reperibili, ma i più esperti si possono arrangiare con delle graffette, delle forcine, un fil di ferro e delle pinzette. Il trucco è avere pazienza e applicare passo per passo in modo dettagliato.

Chiave a brugola: quando la serratura è fatta con un piccolo foro circolare al centro. Anche qui serve parecchia dimestichezza, ma nessuno sforzo fisico.

La carta di credito è un mode molto cinematografico, ma è utile solo per le porte molto vecchie. Il rischio è di danneggiare la card in modo irrimediabile.

Condividi su:

Seguici su Facebook