Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato? Accedi

Password dimenticata? Recuperala

Assicurazioni per Mutui: come funzionano

Condividi su:

Oggi un mutuo è un servizio che tutti possiedono. Volenti o nolenti, per necessità o per convenienza possedere un mutuo è una questione che riguarda proprio tutti. In concomitanza con un prestito importante, generalmente volto all’acquisto di un immobile, non può che esserci un’assicurazione sul mutuo. Utile su entrambi i fronti, sia per il titolare che per l’istituto di credito, una polizza di questo tipo è fondamentale per affrontare i rischi connessi.

Quando si richiede un mutuo per la casa, tra le clausole spicca sempre la richiesta di una assicurazione vita mutuo. Gli istituti bancari hanno bisogno di certezze, devono avere la sicurezza che il cliente pagherà il suo debito, qualunque cosa accada. È normale che scegliendo di compiere questo importante passo una persona voglia vedersi al sicuro da eventualità che possono danneggiare la casa ancora prima di averla pagata e anche dalle più comuni, purtroppo, situazioni in cui si trova di fronte alla perdita del lavoro. Ecco perché è una polizza obbligatoria e porta vantaggi da entrambe le parti.

Questo genere di polizze possono essere sottoscritte dai soggetti con residenza in Italia, titolari di un mutuo o garanti di un mutuo stipulato all’interno dei confini nazionali o con intermediario situato in Italia, con età compresa tra i 18 e i 70 anni.

Una assicurazione mutuo casa comprende sempre la clausola scoppio e incendio, come spiegato e confermato da questo portale (vedere qui) L’immobile deve quindi essere garantito dai casi più gravi. Danni molto ingenti ad un’immobile vengono rimborsati con il valore economico del costo di ricostruzione, così da consentire l’estinzione del mutuo.

Ad essere facoltative sono le garanzie riguardanti il titolare del mutuo, ovvero eventuali malattie gravi, la perdita del posto di lavoro o il decesso. Non sono clausole obbligatorie, ma spesso rientrano tra le condizioni fondamentali affinché il mutuo venga erogato.

Quando si verifica una delle situazione tutelate dall’assicurazione come morte o invalidità permanente la compagnia di fa carico della liquidazione ai beneficiari del capitale restante, con il quale la famiglia (o chi per esso) potrà estinguere il mutuo.

Con la stipula di una assicurazione mutuo morte o invalidità possono essere tutelati con il rimborso della quota ancora da pagare all’istituto bancario tramite i beneficiari scelti nella polizza. Quando invece si deve fronteggiare una situazione temporanea di difficoltà l’assicurazione mutuo perdita lavoro o malattia possono essere sopperiti tramite dei versamenti da parte della compagnia assicurativa all’istituto di credito per il numero di rate necessarie. La perdita lavoro assicurazione mutuo morte  è oggi una clausola fondamentale vista l’elevata frequenza di insicurezza professionale per tutte le categorie.

Prima di procedere con la sottoscrizione di una assicurazione mutuo prima casa è bene tenere in considerazione tutte le tutele comprese e non comprese nel contratto e valutare bene massimali e franchigie. Eventualmente è possibile modificare il contratto in modo che risponda meglio alle esigenze dell’assicurato. Altro aspetto fondamentale da tenere sempre a mente è la durata della tutela: verificare sempre se l’assicurazione copre tutto il periodo di mutuo o se solo una parte. In caso di chiusura anticipata del mutuo è possibile avere un rimborso della polizza non goduta come previsto dalla normativa vigente.

I premi delle polizze sul mutuo possono essere corrisposte in un’unica soluzione anticipata al momento della sottoscrizione del mutuo e tutela le parti per tutta la durata del contratto. In alternativa è possibile scegliere un pagamento periodico annuale, semestrale, trimestrale o mensile da corrispondere per la durata del mutuo.

Il costo del premio dipende da diversi fattori. Concorrono al costo dell’assicurazione l’importo di capitale assicurato, la durata del contratto, i tassi di ammortamento, le garanzie inserite in contratto, l’età assicurativa, lo stato di salute e il lavoro svolto, così come eventuali sport praticati e le abitudini di vita.

Condividi su:

Seguici su Facebook