Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Una gioia convincente

Commento al vangelo

Condividi su:

Tommaso non crede a coloro che avevano visto Gesù Risorto! La loro gioia non è abbastanza convincente: il dono dello Spirito, dal quale erano stati inebriati, sembra non essere sufficiente a renderli davvero testimoni del Risorto!

C'è una riserva nel cuore di Tommaso, quella di ogni credente: avranno davvero visto il Risorto i suoi fratelli?

Da un lato la sua incredulità ci richiama alla necessità di maturare una fede autenticamente cristiana, capace di speranza, colma di fiducia nella Parola del Signore: una fede che, come ci ricorda la seconda lettura, è capace di vincere il mondo, le sue contraddizioni, il senso del limite in esso iscritto, le paure e i conflitti che vi troviamo.

Ma, d'altro canto, la sua incredulità ci richiama alla necessità di confidare nella testimonianza di fede dei nostri fratelli, sopratutto quando anche noi, forse, come Tommaso siamo stati “fuori” per vari motivi dalla vita della nostra comunità per un po' di tempo! Non è questo il senso delle parole che troviamo nella prima lettura? “La moltitudine di coloro che erano diventati credenti aveva un cuore solo e un’anima sola [...] fra loro tutto era comune”.

Di qui lo stupore di Tommaso e la beatitudine di tutti colo che pur non vedendo credono: lo stupore di una fede che rinasce ad ogni incontro con il Risorto e la beatitudine di sperimentare la forza di questo incontro; lo stupore difronte alla ricchezza dell'esperienza dei fratelli e la beatitudine di godere della presenza di questi fratelli; lo stupore difronte alle piaghe ormai non più doloranti provocate dalle croci della vita, e la beatitudine di aver sperimentato il sostegno dei fratelli nel momento del dolore; lo stupore difronte alla premura del Cristo che sempre di nuovo si fa prossimo dei suoi fratelli e la beatitudine di chi si sente guardato e amato.

Sia per ciascuno di noi l'esperienza dell'incredulità lo “spazio” in cui imparare a far germogliare relazioni, riconoscere la presenza del Risorto e diventare beatitudine per la Comunità.

Condividi su:

Seguici su Facebook