Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

“Tutti i grandi sono stati piccoli, ma pochi di essi se ne ricordano”

Un anno per imparare e crescere con il “Piccolo principe” per i bambini dell'infanzia

Condividi su:

Una storia per insegnare tante discipline è stata la scelta didattica delle insegnanti dei bambini dell'infanzia del plesso di Via Verdi per tutto l'anno scolastico 2017-2018.

La scelta si è rivelata vincente sotto vari punti di vista. La storia del “Piccolo Principe” ha fatto da tramite tra il mondo dei bambini e quello dei genitori. “Tutti i grandi sono stati piccoli, ma pochi di essi se ne ricordano”. Tutte le persone che ora sono adulte in passato hanno vissuto la loro infanzia e sono state dei bambini, ma sono davvero in poche a tenerne conto. Eppure lo stratagemma per vivere un’esistenza più appagante sarebbe proprio quello di riscoprire il nostro bambino interiore e di ascoltare la sua voce. Gli adulti sono bambini un po’ cresciuti, anche se spesso se ne dimenticano.

La storia è stata anche l'occasione per insegnare l'importanza di avere dei valori come quello dell'amicizia e dell'ambiente. Altri obiettivi perseguiti con questa scelta didattica sono stati:

  • Motivare gli alunni all’ascolto di opere significative.

  • Stimolare la fantasia e la creatività, nonché le capacità linguistiche e comunicative attraverso la rielaborazione grafica personale.

  • Offrire agganci con gli altri campi di esperienza.

Anche i lavoretti fatti nelle varie festività come quelle della festa del papà e della mamma sono stati ispirati al “Piccolo Principe”.

Negli ultimi due mesi i bambini si sono scoperti dei piccoli attori. Nonostante l'età, avendo acquisito una piena conoscenza della storia sono stati in grado di recitare le parti senza avere bisogno che ci fosse qualcuno che indicasse il momento in cui dovevano entrare in scena. Il 9 giugno i bambini si sono esibiti davanti ai loro genitori portando in scena il “Piccolo Principe”.

Allo spettacolo era presente anche la dirigente Anna Orsatti.


 

Condividi su:

Seguici su Facebook