Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Da marzo torna il collegamento Abruzzo-Croazia, aperto il bando

Condividi su:

Torna il collegamento marittimo tra l’Abruzzo e la Croazia, a partire da marzo 2019. E’ stato infatti pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il bando di gara per l’affidamento del servizio, che avrà durata triennale e per il quale la base d’asta è fissata in 2,4 milioni di euro, finanziati dalla Regione.

Il punto della situazione è stato fatto stamani nel corso di una conferenza stampa in Regione, a Pescara, cui hanno preso parte l’assessore al Bilancio, Silvio Paolucci, il delegato della Regione Abruzzo nel comitato di gestione dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centrale di Ancona, Enzo Del Vecchio, il direttore del Dipartimento regionale Trasporti, Emidio Primavera, e il vice sindaco di Pescara, Antonio Blasioli.

L’aggiudicatario dovrà garantire, nel periodo da novembre a marzo, l’effettuazione di almeno una coppia di corse settimanali, che raddoppieranno tra aprile e ottobre. Il traghetto dovrà invece avere una capacità minima di trasporto pari a 600 passeggeri e 100 autoveicoli, mentre lo scalo di partenza potrà essere individuato dal vettore tra i porti di Pescara e Ortona (Chieti). Le domande di partecipazione potranno essere presentate entro il prossimo 20 settembre.

“E’ una grande opportunità – afferma Paolucci – perché oltre a ripristinare un collegamento significativo per la nostra regione, ci sarà anche la possibilità di promuovere il ‘Brand Abruzzo’ in chiave turistica e commerciale. L’iniziativa rientra nel piano di rafforzamento infrastrutturale dei porti, su cui questo governo regionale ha investito circa 100 milioni di euro, nell’ambito della più ampia strategia della macroregione Adriatica, dei trasporti Ten-T e delle autostrade del mare, che vogliono incrociare e mettere al centro di un sistema di movimento di persone, di interessi e di economia anche la regione Abruzzo”.

“Stiamo lavorando anche come Autorità di sistema portuale – dice Del Vecchio – e daremo il nostro contributo affinché la struttura, in questo caso Ortona, a marzo sia pronta per poter accogliere questo servizio. Abbiamo accertato che i migliori effetti li dà un collegamento duraturo ed è per questo che la Regione ha voluto investire”.

Condividi su:

Seguici su Facebook