Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Oggi ricorre la festività di San Francesco, patrono d'Italia

Auguri a tutti coloro che portano questo nome

Condividi su:

Pio XII nel 1939 proclamò San Francesco (con Santa Caterina da Siena) patrono primario d’Italia. Il 4 ottobre è la ricorrenza di questo santo.
Lo stato italiano ha recepito questo atto con la LEGGE 4 marzo 1958, n. 132 che con un unico articolo ha proclamato il 4 ottobre come “…solennita' civile in onore dei Santi Patroni  speciali d'Italia San Francesco d'Assisi e Santa Caterina da Siena...”.

La legge 10 febbraio 2005, n. 24 ha aggiunto dopo le parole “…solennità civile”, «e giornata della pace, della fraternità e del dialogo tra appartenenti a culture e religioni diverse,…». Queste parole che sembrano che abbiano aggiunto significato a questo giorno, di fatti ha tolto. Dappertutto si organizzano marce della pace.

San Francesco è colui che non ha parlato di pace, uguaglianza e fraternità ma si è prodigato per esse. Egli è una figura forte con una valenza universale. E' stato una persona in carne e ossa che ha vissuto in maniera rivoluzionaria rinunciando al materiale per vivere in maniera “divina”. 

"Cari fratelli e sorelle, il perdono di cui san Francesco si è fatto 'canale' qui alla Porziuncola continua a 'generare paradiso' ancora dopo otto secoli. .... Offrire la testimonianza della misericordia nel mondo di oggi è un compito a cui nessuno di noi può sottrarsi. (...) Il mondo ha bisogno di perdono; troppe persone vivono rinchiuse nel rancore e covano odio, perché incapaci di perdono, rovinando la vita propria e altrui piuttosto che trovare la gioia della serenità e della pace. Chiediamo a san Francesco che interceda per noi, perché mai rinunciamo ad essere umili segni di perdono e strumenti di misericordia (parole del Pontefice sul perdono alla Porziuncola Meditazione nella Basilica di Santa Maria degli Angeli, 4 agosto 2016). 

Auguri a tutti coloro che portano il nome di san Francesco dall'intera redazione di cittanet

Condividi su:

Seguici su Facebook