Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Nuovo piano demaniale marittimo, il sindaco "Abbiamo seguito il modello di Pescara"

Condividi su:

E' stato adottato nella seduta del consiglio comunale di ieri, 28 dicembre, il nuovo piano demaniale marittimo del Comune di San Salvo.

Il piano, frutto del lavoro proficuo svolto in commissione urbanistica, ha avuto il contributo di maggioranza e opposizione, anche se in aula consiliare sia arrivato un testo che, a detta delle minoranze, non è completamente condivisibile e pertanto lo stesso è stato approvato e adottato dalla sola maggioranza.

Il nuovo piano demaniale prevede e individua sei aree verdi, quelle che costeggiano il lungomare pedonale e la pineta, tra viale Enrico Berlinguer e il lungomare Cristoforo Colombo, che verranno concesse per la creazione di punti ricettivi, chioschi, aree giochi e attività sportive. Sin dal 2012 queste aree furono individuate da alcuni giovani sansalvesi che ne chiesero a gran voce la concessione per utilizzarle al fine di migliorare l'offerta turistica di San Salvo.

Il piano prevede altresì la concessione in ampliamento di quattro stabilimenti balneari a supporto di attività già esistenti e due nuove concessioni, una a servizio dell'area della particella 18 e una a servizio dell'area Sabam, sulle quali è prevista la costruzione di strutture turistico ricettive.

Novità anche per la spiaggia libera che residua in percentuale al 25% circa della superficie complessiva del demanio e sarà curata e manutenuta da cooperative. "Abbiamo seguito il modello della città di Pescara", dichiara il sindaco Tiziana Magnacca, "attraverso l'affidamento a cooperative otterremo un sensibile risparmio delle casse comunali per la gestione e la manutenzione dei tratti di spiaggia libera. Inoltre, affidando questa gestione a cooperative e associazioni, ottimizzeremo le risorse del nostro Comune e avremo la possibilità di avere le spiagge sempre pulite e sicure", continua il primo cittadino.

Il tratto di spiaggia interessato comprende il tratto che va dal lido Controvento allo stabilimento La Playa del Sol. In cambio le cooperative potranno svolgere attività e manifestazioni turistiche commerciali temporanee, ossia stagionali con la rimozione delle strutture a fine estate. "Condividiamo appieno e accogliamo favorevolmente la scelta di riservare quattro delle sei concessioni balneari alle strutture turistico ricettive, ma non condividiamo affatto la scelta di riservare le restanti due alla famosa particella 18 e all'area ex Sciò (Sabam)". Queste le parole dei consiglieri di minoranza del Partito Democratico, Antonio Boschetti e Gianni Mariotti, presenti in consiglio comunale.

"Avremmo accolto favorevolmente tale scelta qualora fosse stata definita anticipatamente la destinazione di queste due concessioni piuttosto che lasciare tale vincolo in maniera generica", continuano, "Ci riserviamo la valutazione di un futuro voto favorevole qualora nel corso della procedura che seguirà venissero fugati e chiariti i dubbi e le perplessità sollevate", conclude il Pd.

Condividi su:

Seguici su Facebook