Incidente per attraversamento di un animale sulla Trignina, Turdò: "Servono reti di contenimento e ampliare periodo di caccia"

| di Antonio Turdò
| Categoria: Attualità
STAMPA

Nella giornata di venerdì scorso di notte ancora un incidente stradale che ha coinvolto due autovetture e 5 persone , di cui una grave, a causa di animali selvatici , pare che sia avvenuto per schivare una volpe.

Questo è l’ennesimo episodio dopo i cinghiali, (gli ungulati sono i più pericolosi)  i cervi, i daini, le lepri e tanti altri che stanno compiendo e provocando una strage sia dei danni materiali che fisici.

Ormai si sta creando una psicosi quasi da terrore sia sulla SS 650 ( cosidetta Fondo Valle Trigno) che sulle strade provinciali, degradate ed abbandonate da tempo dalla politica e dalla pubblica Amministrazione. 

Non riusciamo a capacitarci di come la politica stia abbandonando interi pezzi di territorio all’incuria , al degrado stradale e materiale anzi in alcuni casi trastullandosi a rimembranze e ricordi vergognosi invece di darsi da fare.

Cominciare a posizionare reti e/o paratie di contenimento, ampliando all’infinito il periodo di caccia con abbattimenti calibrati ma massivi poiché stiamo perdendo anche le coltivazioni di appezzamenti agricoli, che senso ha coltivare e poi vedere l’intero raccolto distrutto dagli animali selvatici.

Invitiamo le pubbliche Amministrazioni, Comuni, Provincie e Regioni ad unirsi con noi nella battaglia di difesa e di tutela, invece che di questionare sempre e solo di nomine, poltrone e o targhe da rimuovere o da mettere, pensate ai morti perché non sapete dare risposte ai vivi !!!

Diceva lo scrittore Carl William Brown “Il rispetto che l'umanità conferisce ai morti, che d'altronde non ne hanno bisogno, dovrebbe invece essere impiegato per i vivi”.

 

Antonio Turdò

Contatti

redazione@sansalvo.net
WWW.SANSALVO.NET -
tel. 333.6506972
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK