Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Lavoro: regione Abruzzo è nel progetto nazionale "Ri-parti con l'Export"

Condividi su:

L'Abruzzo è tra le regioni che aderiscono al progetto nazionale "Ri-parti con l'Export", inserito nel Patto per l'Export promosso dal ministero degli Affari esteri. Proprio all'interno delle iniziative volte a far ripartire l'export italiano, Anpal servizi e Ice-Agenzia per la promozione all'estero hanno sottoscritto un'intesa che prevede la realizzazione in Abruzzo e in altre regioni di un corso di formazione per i percettori del Reddito di cittadinanza in grado di creare competenza nel settore dell'export.

L'adesione formale al progetto è stata presentata dall'assessore alle Politiche del lavoro, Piero Fioretti, e il Dipartimento Lavoro gestirà tutta la fase preparatoria, e non solo, del progetto di riqualificazione professionale. "E' essenziale portare sul territorio iniziativa concrete per far ripartire l'economia nazionale e regionale - esordisce l'assessore Piero Fioretti -. L'iniziativa avviata da Anpal e Ice ci è sembrata subito interessante soprattutto perché guarda ad un settore dell'economia, com'è quello dell'export, che in Abruzzo ha sempre mostrato una certa vivacità, testimoniata da numeri da primato. Un altro aspetto importante riguarda il trend crescente della domanda da parte delle aziende di figure specializzate per l'export, per questo stare al centro dell'iniziativa nazionale rappresenta un'occasione che mettiamo a disposizione dei disoccupati abruzzesi per crescere professionalmente e arrivare quanto prima all'occupazione". Il progetto "Ri-parti con l'Export" prevede la realizzazione di un corso di formazione e specializzazione riservato ai disoccupati con priorità ai percettori del Reddito di cittadinanza. Il corso partirà in ottobre e prevede che i Centri per l'impiego regionali realizzino una serie di attività che vanno dalla raccolta delle iscrizioni fino alla valutazione, insieme con Anpal, delle attitudini dei singoli candidati. 

Condividi su:

Seguici su Facebook