I cestini antiterrorismo nei luoghi affollati, nel 2016 quando il terrorismo era tema di discussione

| di Michele Daniele
| Categoria: Attualità
STAMPA

Dopo l'attentato alle Torri Gemelle negli Usa e nel Mondo intero è cambiata la percezione di pericolo collegato agli attentati terroristici di varia natura.

Gli aeroporti, le stazioni, e tutte le piazze, strade e posti, in cui si creavano situazioni dove c'è un alto numero di persone in poco spazio, dovevano essere prese in considerazione le valutazioni antiterrorismo. I dispositivi contro atti dinamitardi erano i cestini senza corpo, mentre i blocchi di cemento per le azioni come quella di Berlino nel 2017 quando un camion entro in una strada pedonale facendo una strage.

In Italia tutte le città, per prima Roma, si occuparono di predisporre velocemente quanto voluto dalle nuove normative messe in essere.

Ad oggi sembrerebbe che la guardia alta, degli anni passati, sia scesa così come l'attenzione dell' opinione pubblica su questo tema, o comunque finché i media torneranno a parlare di terrorismo perché si sarà verificato un nuovo atto stragista.

 

Michele Daniele

Contatti

redazione@sansalvo.net
WWW.SANSALVO.NET -
tel. 333.6506972
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK