Diario pandemico di un privilegiato. Riflessione sulla disuguaglianza sociale ai tempi del covid

| di Agostino Monteferrante
| Categoria: Attualità
STAMPA

Diario pandemico di un privilegiato. Se sei a rischio contagio, devi fare il tampone per verificare se hai addosso il virus. Accendi il computer, hai i giga illimitati ed un collegamento veloce. Scarichi il modello del laboratorio di bioanalisi, lo riempi con i tuoi dati, alleghi le copie dei documenti che hai provveduto prima a scansionare. Fai il test. Il  costo viene addebitato sul tuo conto. Se hai bisogno di metterti in isolamento, non è difficile,  prenoti una camera. Il panino è da asporto. La colazione, dove il cornetto è più fragrante. Per fare questo devi avere un computer, una rete telematica, una  stampante e poi tutto il resto. Roba che per una coppia qualsiasi di pensionati o di una famiglia incapiente, rappresenta  la scalata di una parete rocciosa a mani nude. Senza contare la rete di conoscenze, la nutrita rubrica telefonica di medici che ti chiamano per nome e ti rispondono al secondo squillo. Ma è per tutti così? No che non è così. Lo smantellamento della rete sociale e sanitaria non pesa sui privilegiati, pesa sui più deboli. Per anni ci siamo bevuti le teorie snob-bocconiane del mito del privato, dei prodigi della concorrenza e del mercato. Pur chiamandoci “società”, abbiamo dimenticato il senso dell’essere società, del condividere destini e speranze, risorse ed opportunità. Come ipnotizzati dalla musica suadente del successo e della competizione, abbiamo immolato il senso dello stato alle sofisticate teorie farlocche enunciate con la erre moscia di chi sapeva raccontare l’economia e la società del futuro. Il risultato è ciò che vediamo. Ogni ospedale chiuso, ogni servizio sospeso, ogni pezzo dello stato sociale smantellato,  in onore del dio mercato, oggi grida vendetta. Grida vendetta  per ogni donna e per ogni uomo lasciato solo a risolvere il proprio problema. Dovremo ricordarci di questi giorni. Dovremo  tornare a scoprire cosa significa essere una società di donne e di uomini. Dovremo ricordarci cosa significa fratellanza e solidarietà. Forse dovremo ricordarci, a sinistra, cosa significa essere di sinistra. Significa condivisione, significa solidarietà, significa condividere il pane. Per questo ci si chiamava compagni. Cum panis, con lo stesso pane.

Agostino Monteferrante

Contatti

redazione@sansalvo.net
WWW.SANSALVO.NET -
tel. 333.6506972
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK