Scopriamo l'Abruzzo: Palmoli

| Categoria: Attualità
STAMPA

Palmoli è un comune italiano di 958 abitanti della provincia di Chieti in Abruzzo. Fa parte della Comunità montana Medio Vastese.

Geografia Storia Etimologia

Il paese si chiamò Palmula Monteverde quando gli abitanti, lasciando i vari vicus si insediarono sul monte ricoperto degli ulivi silvestri dalle foglie di colore verde scuro. Cenni storici Le origini del paese vanno ricercate quando la zona fu abitata dai Frentani divenendo in seguito dipendenza romana. Verso l'anno 1000 gli abitanti si arroccarono sul monte attuale. In questo periodo venne costruito il castello. Viene citato come Palmulam nel Catalogus Baronum del XII secolo, fu possedimento di Philippus Grandenatus feudatario del conte di Loreto. Nella prima metà del XV secolo fu feudo di Paolo di Sangro ed in seguito dei Severino-Longo.

Monumenti e luoghi d'interesse

Il borgo fortificato con il castello marchesale e l'annesso museo archeologico. Gli elementi impiegati nel centro storico erano la copertura con coppi di tonalità ocra, i pluviali in rame, gli infissi in legno di quercia, mentre le grate e le lunette in ferro battuto. I solai dei sotto-portici sono realizzati in legno di quercia. I portali a sesto acuto sono in pietra come nelle due porte urbiche. La Chiesa di Santa Maria delle Grazie. La chiesa è in stile romanico abruzzese Il Convento della Madonna del Carmine. Il convento è in stile barocco. La fonte delle coste: La fonte è sita nella località eponima ad ovest della città a 644 m. s l. m. Risale al 1851 e ricostruita nel 1898. Consta di due pilastri rettangolari e cornici orizzontali che sorreggono un arco a tutto sesto. Sopra un architrave in pietra. Sotto vi è una vasca rettangolare con, sopra un mascherone.

Eventi

14 febbraio: Festa in onore del patrono San Valentino. Festeggiamenti in onore della SS. Madonna del Carmine: 16 luglio: Processione con la statua della Vergine portata a braccio dal Santuario fino alla Parrocchia del paese, la chiesa di S. Maria delle Grazie, dove vi rimane fino al 27 luglio. 26 luglio: Festa in onore dei santi Gioacchino e Anna. 27 luglio: Il mattino, alle ore 9:30, parte la tradizionale sfilata delle "Pacchianelle", donne e uomini vestiti in abiti tradizionali che portano donativi alla Madonna. Questi donativi vengono poi messi all'asta nel pomeriggio a piazza Marconi. 10 agosto: Sagra della Ventricina presso il Castello Marchesale 13 agosto: Sagra dello Spezzatino d'agnello presso la località Contrada Fonte la casa.

Prodotti Tipici

Tra i prodotti tipici ricordiamo: la Viscica (ventricina) palmolese, insaccato prodotto con carne di suino, peperoncino e vari aromi lasciato stagionare almeno 100 giorni; lo spezzatino d'agnello.; sagne a pezzate: impasto fatto con farina e uova, lavorate a mano, stese con il matterello, tagliate grossolonamente a rombi, condite con pomodoro fresco o sugo alla ventricina e asparagi.

Fonte: ViaggiArt

Contatti

redazione@sansalvo.net
WWW.SANSALVO.NET -
tel. 333.6506972
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK