Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

A una ricercatrice dell'università D'Annunzio va prestigioso premio nazionale per giovani studiosi di diritto costituzionale

Marta Ferrara vince il “Sergio Panunzio”

Condividi su:

"È la dottoressa Marta Ferrara, ricercatrice junior di Istituzioni di Diritto pubblico dell’Università degli Studi “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara la vincitrice ex aequo del prestigioso Premio nazionale “Sergio Panunzio” per la pubblicazione di un’opera prima monografica in diritto costituzionale. La dottoressa Ferrara afferisce al Dipartimento di Scienze giuridiche e sociali, diretto dal professor Fabrizio Fornari, ed è seguita scientificamente dal professor Gianluca Bellomo.

Il volume insignito del premio si intitola “Capo dello Stato, vincoli europei e obblighi internazionali. Nuove mappe della garanzia presidenziale” ed esamina in ottica innovativa e multilivello la figura del Presidente della Repubblica, concentrandosi sulla Presidenza Mattarella ancora in corso. Con la rassegna di numerosi casi tratti dalla prassi costituzionale, lo studio dimostra come l’attuale interdipendenza tra gli ordinamenti giuridici abbia impresso anche sulla figura presidenziale un’evoluzione funzionale. I settennati presidenziali più recenti si sono infatti contraddistinti per un potenziamento del ruolo del Capo dello Stato attraverso l’esercizio di poteri rivolti all’esterno del sistema costituzionale. In tal modo il Quirinale si è reso interlocutore autonomo ma non esclusivo di un dialogo costante con gli ordinamenti sia europeo sia internazionale nell’ambito della più generale rappresentanza internazionale che l’art. 87, comma 1 della Costituzione attribuisce al Presidente della Repubblica.

In occasione del convegno “Emergenza, costituzionalismo e diritti fondamentali”, tenutosi il 4 dicembre scorso. l’annuncio ufficiale del premio attribuito alla dottoressa Ferrara è stato dato dal professor Gaetano Silvestri, Presidente dell’Associazione Italiana dei Costituzionalisti che accoglie circa 400 studiosi della materia (www.associazionedeicostituzionalisti.it).

Condividi su:

Seguici su Facebook