Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Fiducia e comportamenti legati alla prevenzione della diffusione del COVID-19. “D’Annunzio” capofila in uno studio internazionale condotto in 23 Paesi

Condividi su:

L’Università degli Studi “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara è capofila di uno studio internazionale condotto in 23 Paesi in diversi continenti (Europa, nord e sud America, Asia, Australia) sugli antecedenti dei comportamenti che possono ridurre la diffusione del COVID-19. Lo studio, che ha ricevuto un finanziamento dalla “European Association of Social Psychology” ed è stato supportato anche dall'agenzia di comunicazione “Pomilio Blumm”, ha coinvolto un ampio gruppo di ricerca a livello internazionale. Responsabile principale dello studio è il professor Stefano Pagliaro, docente di Psicologia Sociale presso il Dipartimento di Neuroscienze, Imaging e Scienze Cliniche della “d’Annunzio” ed esperto dei temi della moralità e della fiducia. Il professor Pagliaro condivide la responsabilità scientifica del progetto con la professoressa Simona Sacchi e il professor Marco Brambilla dell’Università di Milano-Bicocca e la professoressa Maria Giuseppina Pacilli dell’Università degli Studi di Perugia. Lo studio, frutto di questa estesa collaborazione internazionale, di cui l’Università “Gabriele d’Annunzio” Chieti-Pescara è il vertice, è ora in corso di pubblicazione sulla rivista “PLOS ONE” e può essere consultato al link: https://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0248334.

"In attesa dello sviluppo di cure efficaci e degli effetti positivi dei vaccini contro il Sars-Cov-2 - spiega il professor Stefano Pagliaro - la modifica dei comportamenti individuali è fondamentale per rallentare la diffusione del virus. Il nostro studio ha inteso comprendere quali fattori determinassero la messa in atto di comportamenti che non solo mirano a ridurre la diffusione del virus, ma rappresentano anche un prendersi cura degli altri. I dati mostrano che la fiducia nelle istituzioni, negli altri cittadini e in modo particolare nella scienza si legano alle intenzioni di mettere in atto questi comportamenti, molto più di quanto facciano i numeri reali della diffusione della pandemia. Questi risultati possono fornire spunti importanti per la diffusione di messaggi istituzionali legati alla salute. La nostra capacità di lavoro in sinergia con tanti e tanto importanti centri di ricerca internazionali del nostro settore - sottolinea il professor Stefano Pagliaro - collocano l’Università “Gabriele d’Annunzio” in una posizione di grande prestigio scientifico a livello internazionale".

Condividi su:

Seguici su Facebook