Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Fuochi d'artificio e altri tipi di accensione vietati fino al 22, l'ordinanza del sindaco

Magnacca: misure di prevenzione degli incendi sul territorio comunale

redazione
Condividi su:

Misure di prevenzione degli incendi sul territorio comunale.

Il sindaco di San Salvo, Tiziana Magnacca, ha emesso un’ordinanza con la quale si impone fino al 22 agosto il divieto di accensione fuochi d’artificio e pirotecnici e dell’accensione di fuochi di ogni genere.

Gli incendi che hanno devastato la scorsa settimana ettari di vegetazione nel vastese e le alte temperatura previste per questi giorni hanno consigliato il sindaco Magnacca ad adottare l’ordinanza con la quale si dichiara lo “stato di grave pericolosità per gli incendi” per tutte le aree boscate, cespugliate, arborate, a pascolo nonché ogni ulteriore area il cui incendio abbia suscettività ad espandersi a strutture e infrastrutture antropizzate, ovvero su terreni coltivati o incolti e pascoli limitrofi a dette aree.

E' tassativamente fatto divieto a chiunque di:

− accendere e bruciare residui di materiale vegetale derivante dall’attività agricola e forestale;

− accendere fuochi di ogni genere;

− far brillare mine o usare esplosivi;

− usare apparecchi a fiamma o elettrici per tagliare metalli;

− usare motori (fatta eccezione per quelli impiegati per eseguire i lavori forestali autorizzati e non in contrasto con le PPMPF e le altre norme vigenti), fornelli o inceneritori che producano faville o brace;

− tenere in esercizio fornaci, forni a legna, discariche pubbliche e private incontrollate;

− fumare, gettare fiammiferi, sigari o sigarette accese e compiere ogni altra operazione che possa creare comunque pericolo immediato o mediato di incendio;

− esercitare attività pirotecnica, accendere fuochi d’artificio, lanciare razzi di qualsiasi tipo e/o mongolfiere di carta, meglio note come lanterne volanti dotate di fiamme libere, nonché altri articoli pirotecnici;

− transitare e/o sostare con autoveicoli su viabilità non asfaltata all’interno di aree boscate, fatta eccezione per i mezzi di servizio e per le attività agro-silvo-pastorali nel rispetto delle norme e dei regolamenti vigenti;

− transitare con mezzi motorizzati fuori dalle strade statali, provinciali, comunali, private e vicinali, gravate dai servizi di pubblico passaggio, fatta eccezione per i mezzi di servizio e per le attività agro-silvo-pastorali nel rispetto delle norme e dei regolamenti vigenti;

− abbandonare rifiuti nei boschi e in discariche abusive.

Provvedimento adottato tenendo anche conto della nota della Prefettura di Chieti relativa all'emergenza incendi sul territorio provinciale e relative misure di prevenzione.

Condividi su:

Seguici su Facebook