Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Tre giorni di intensa spiritualità a Subiaco

Condividi su:

Questi appena trascorsi sono stati giorni di intensa spiritualità per alcuni ragazzi della parrocchia San Nicola presso il Centro "San Biagio" nel comune di Subiaco.

Questi tre giorni, sono iniziati, domenica scorsa subito dopo la celebrazione della Santa Messa.

E' seguito un aperitivo veloce prima della partenza ufficiale gentilmente offerto dal Bar Nonna Angiolina a cui va un grande ringraziamento da parte di tutti i presenti.

Alle tre giornate ha preso parte anche il parroco don Beniamino Di Renzo.

Appena arrivati c'è stato l'incontro con le suore della comunità. Poi la preghiera della compieta (preghiera della sera). A seguire la visione di slide per spiegare ai presenti che cosa dovevano fare in questi giorni attraverso il racconto del Piccolo Principe.

Il giorno, di buon mattino, Lodi Mattutine nella cappella interna della struttura. E' seguita una bellissima passeggiata immersa nel verde per andare ad ammirare il Monastero di Santa Scolastica. La sera, invece, proiezione del film Il Piccolo Principe e la preghiera serale.

Spazio anche alla catechesi di don Beniamino seguite da riflessioni e meditazioni sulla propria vita da parte dei ragazzi. Infine, la celebrazione della Santa Messa nella cappellina esterna della struttura.

Al termine di questi tre giorni di intensa spiritualità, sulla piattaforma digitale Meet, tutti i ragazzi uniti al loro parroco ed agli educatori hanno vissuto una Veglia di preghiera denominata "Veglia di preghiera liberamente tratta dal Piccolo Principe. Bellissimo il momento di ascolto e riflessione sulla libertà. La vera libertà è essere servi per amore. Sembra un paradosso, ma è invece l'insegnamento di Gesù. Lasciamoci addomesticare (nel significato più profondo di questo termine che la volpe insegna al piccolo principe) da Lui.

Un grazie particolare anche alla Protezione Civile Val Trigno e a Saverio Fiore sempre tanto disponibile con i giovani della parrocchia.

 

Condividi su:

Seguici su Facebook