Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

È semplicemente inammissibile

Condividi su:

Ho letto con vera e propria curiosità gli articoli pubblicati su diversi portali mediatici del territorio in merito alla “Serata d'Onore” programmata e riservata dalla Città di San Salvo a Michele Placido (leggi) - (leggi).

“Secondo me” si tratta inequivocabilmente di due articoli identici, quindi dello stesso articolo, che si presenta perciò con tutti i crismi del testo ufficiale redatto da un qualche addetto alla comunicazione in nome e per conto del Comune di San Salvo. E fin qui va tutto bene. Niente da eccepire.

Se non fosse che, leggendolo, in questo articolo ritroviamo solo generiche dichiarazioni del neosindaco De Nicolis in merito al sostegno che il Comune di San Salvo riserverebbe alla cultura.

Non una sola frase, invece, né un commento o almeno un generico riferimento alla performance di Michele Placido e dei suoi eccellenti accompagnatori, testimoni della più eccelsa tradizione musicale partenopea. Niente, assolutamente niente: nemmeno un punto o una virgola!

Un comunicato, insomma, “secondo me” finalizzato unicamente all’autocelebrazione dei locali governanti, nel solco della migliore tradizione, ormai decennale, ben sottolineata anche dal successivo, puntuale intervento di quella che già appare come la più importante rappresentante della nuova amministrazione comunale.

A margine di quanto sopra, mi pare appena il caso, poi,  di sottolineare il risalto mediatico che è stato dato all’inaugurazione di un “sushi-bar” alla Marina, benedetto dalla presenza delle  già citate massime autorità cittadine, con tanto di ben esibita fascia tricolore, tanto per cominciare a prenderne confidenza… con buona pace delle istruzioni ministeriali circa il suo corretto utilizzo.

Che dire? Ho sfogliato il vocabolario Treccani, dove, alla voce “inammissibile” troviamo queste definizioni:

  • - Che non si può accogliere come giusto, valido, accettabile
  • - Che si comporta con tanta arroganza


 

Condividi su:

Seguici su Facebook