Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Le grandi icone del videogioco classico

Condividi su:

Con molta probabilità chiunque stia leggendo queste righe avrà preso almeno una volta in mano in vita sua un videogioco qualsiasi. Poco importa se vecchio o nuovo, rimane il fatto che ci abbia fatto una partita.

Se oggi guardiamo in rete, tra un sito comparatore di bonus benvenuto ed uno speciale sulla Milano Games Week, notiamo come tutto ciò che è anche solo lontanamente ludico viaggia comunque ad una velocità davvero impressionante.

Una cosa che sembra quasi da fantascienza, ma che invece è la realtà di tutti i giorni. Volendo dunque rimanere in ambito videoludico perché non facciamo un piccolo salto indietro nel tempo quando il tutto ero molto più “pixelloso” e “arcade”? Vediamo dunque brevemente cinque delle icone più classiche appartenenti al mondo dei videogiochi!

Super Mario

Ne avevamo già parlato in passato con quella che è diventata la sua prima vera e propria avventura per il NES, correva il lontano 1985, ma è indubbio che il baffuto idraulico italiano sia una delle icone più riconoscibili da grandi e piccini!

Per quei pochi che ancora non lo conoscono dal prossimo anno se lo troveranno anche al cinema, in questo modo ci si può dimenticare di quel disastroso film del 1993, e di sicuro andranno a recuperare qualcuno dei suoi tanti titoli dedicati.

Link

Proveniente direttamente da un'altra grande saga della Nintendo, ovvero The Legend of Zelda, il prode Link è contraddistinto dal caratteristico colore verde e, al pari del già citato Super Mario, è sempre intento a salvare la principessa Zelda e tutta la terra di Hyrule.

Una saga questa che accompagna oramai da anni i videogiocatori e che, crescendo, ha saputo sempre come innovarsi ed invecchiare bene come il vino! In rete ultimamente si è parlato di una serie con protagonista Tom Holland, speriamo bene.

Pac – Man

Autentica pietra miliare del videogioco del 1980, e firmata dal creatore Tōru Iwatani , che introduce per la prima volta delle animazioni sullo schermo prima di iniziare la partita assieme a tante novità che andranno a ricoprire più di 30 anni di storia videoludica.

Lo scopo del gioco? Semplice! Mangiare tutto quello che si trova all'interno del labirinto e raccogliere gli oggetti collezionabili badando bene, però, di non venire beccati dai fantasmini colorati che vivono in questo dedalo frenetico.

Tetris

Creato da Aleksej Leonidovič Pažitnov nel 1984 in Unione Sovietica, praticamente inventò la gallina dalle uova d'oro con questo gioco, Tetris è quel gioco che sia grandi che piccini hanno visto su un'infinità di console, da quelle anni Ottanta fino agli smartphone, ed in un'altrettanta infinità di versioni.

Considerato tra i videogiochi più influenti di sempre è basato su una logica talmente semplice ed immediata che è un attimo cadere nella “dipendenza”, ne sanno qualcosa i colleghi di Pažitnov.

Space Invaders

Anno di grazia 1978 per opera di Tomohiro Nishikado, Space Invaders fu la causa dell'impossibilità di reperire monetine in Giappone poiché tutti gli appassionati le spendevano in questo cabinato.

Anche qui trama semplicissima, con un cannone bisognerà impedire agli alieni di invadere la Terra, ma successo interplanetario più che immediato!

Condividi su:

Seguici su Facebook