Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Il discorso di presentazione del candidato alle primarie Antonio Cilli

Il 4 Marzo prossimo si terranno le primarie del nuovo centrosinistra

Condividi su:
"Vorrei cominciare col ringraziarvi tutti, essere qui oggi non è cosa scontata né cosa di poco conto. So bene che non siete venuti solo per me, voi siete venuti qui perché credete nella libertà di scelta e perché credete in ciò che la nostra San Salvo può essere nel futuro. Di fronte alla politica che a volte è stata distante e a volte ci ha diviso voi sapete che possiamo essere uniti e che possiamo costruire una comunità ancora migliore. Ma voglio raccontarvi come sono arrivato sin qui: come molti di voi sanno sono originario di San Salvo e l'amore per la mia terra mi ha sempre spinto a lavorare e ad impegnarmi nella società affinché San Salvo potesse essere una città migliore. Ebbene il giorno successivo alle tristi vicende che hanno portato al commissariamento del nostro Comune ho avviato autonomamente una serie di colloqui con molte persone ( che oggi sono qui ) perché ritenevo che l'unione delle 4 forze che oggi danno vita al nuovo centro sinistra, rappresentasse l'unica vera, autorevole soluzione ai problemi della politica sansalvese. Ed è proprio in queste chiacchierate informali che alcuni amici mi chiesero di essere la persona capace di unire le forze del centro sinistra: anzitutto il Cons. Reg. Paolo Palomba e gli amici dell'Italia dei Valori, ma non soltanto loro... Ed è per questo che mi presento a voi oggi per annunciare la mia candidatura alle primarie per la carica di Sindaco del Comune di San Salvo. Riconosco che c'è una certa presunzione e audacia in questo annuncio. Ma permettetemi di fare un piccolo excursus storico, vedete durante il ventennio fascista i sansalvesi, uno dei pochi esempi in Abruzzo, furono capaci ( e pagarono con il carcere ) di organizzare una rivolta contro la coltivazione del riso che portava la malaria in paese; nel dopoguerra i sansalvesi furono protagonisti del boom economico e dell'industrializzazioni e furono capaci di accogliere le genti venute qui da ogni luogo; a partire dagli anni 80 i sansalvesi furono capaci di grandi cambiamenti politici anticipando di qualche anno la caduta del muro di Berlino e dando vita alla politica del centro sinistra come la conosciamo noi oggi. Vedete ogni volta si è fatta avanti una nuova generazione ed ha fatto quello che era necessario fare. Ed è grazie a questi uomini che oggi abbiamo l'occasione di affrontare uniti le sfide che ci attendono. Le sfide le conoscete tutti: - la sfida del lavoro, la difesa del lavoro che c'è e la creazione di nuove opportunità anche attraverso il potenziamento e l'ammodernamento del settore turistico e di quello agricolo; - la sfida della sicurezza. La sicurezza delle nostre famiglie e la difesa del territorio; - la sfida della valorizzazione della identità culturale sansalvese anche attraverso la rivitalizzazione del centro storico e la migliore organizzazione di eventi tradizionali e non tradizionali; -la sfida di una nuova politica edilizia. A volte gli interessi particolari e le lobby hanno trasformato l'amministrazione in un gioco riservato a pochi. Il tempo di questa politica è scaduto. E' tempo di voltare pagina. Io credo che il governo della città non sia il governo di uno, ognuno di noi deve essere il cambiamento che vuol vedere. Statemi vicino ! Grazie. "
Condividi su:

Seguici su Facebook