Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Ordinanza di chiusura della chiesa san Nicola Vescovo. Il sindaco Magnacca: un atto dovuto per la salvaguardia dei cittadini

Condividi su:

«L’ordinanza di chiusura temporanea della chiesa di San Nicola Vescovo è un atto dettato dalle leggi, ma è anche stato suggerito dalla mia coscienza. Non potevo non firmare l’ordinanza, indilazionabile nel tempo, che va porre rimedio a un pericolo grave e imminente per quanto accertato dal sopralluogo eseguito dai Vigili del Fuoco. Una decisione presa con rammarico, con tristezza e con amarezza, ma che per legge ho dovuto dare seguito». Lo ha dichiarato il sindaco di San Salvo Tiziana Magnacca questa mattina nel corso della conferenza stampa per illustrare l’ordinanza sindacale n. 16 con la quale si è proceduto alla chiusura temporanea della chiesa di San Nicola per le lesioni riscontrate nell’edificio dai Vigili del Fuoco a «salvaguardia dell’incolumità delle persone e per la preservazione dei beni» e non solo di quanti frequentano la chiesa, ma anche di quelli che si trovano nei paraggi dell’area perimetrale, e nel contempo per eseguire i lavori di messa in sicurezza.

Il sindaco ha evidenziato come sia stata una decisione sofferta, ma se non avesse adempiuto ci sarebbero state pesanti responsabilità perché dal sopralluogo dei Vigili del Fuoco emerge «la presenza di lesioni di tipo capillare in corrispondenza dei giunti di collegamento dei giunti di collegamento pilastri e murature do tamponamento nonché sul solaio di copertura in cemento armato» e la situazione oltre a permanere «potrebbe aggravarsi per effetto d’ulteriori sciami sismici ancora in atto in regione». Nel verbale si obbliga a far eseguire «un’accurata verifica statica, nonché tutti i lavori d’assicurazione e consolidamento che il caso richiede».

Il sindaco, alla presenza di numerosi parrocchiani della chiesa di San Nicola Vescovo, ha altresì comunicato che se fossero richiesti metterebbe a disposizione i locali comunali per consentire lo svolgimento dell’attività pastorale e delle celebrazioni religiose. 

 

Condividi su:

Seguici su Facebook