Partecipa a SanSalvo.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Estate 2018, presentato il “misero” cartellone degli eventi

Pd locale: “San Salvo, i sansalvesi ed i turisti non meritano questo! San Salvo sta diventando una città fantasma e fatiscente guidata da un’amministrazione comunale che non realizza nulla”

Condividi su:

È stato presentato ieri mattina dall’amministrazione comunale il cartellone delle manifestazioni estive dell’estate 2018. Un cartellone misero, vuoto, ripetitivo, per nulla attrattivo e presentato invece alla città come frutto di un grande lavoro e dialogo. 

La “grande attenzione nell’evitare la sovrapposizione degli eventi” sottolineata dall’assessore Marcello altro non è, che frutto della mancanza di eventi. Non si è cercato di non sovrapporli. La verità è che sono proprio assenti. 

San Salvo, i sansalvesi ed i turisti non meritano questo! San Salvo sta diventando una città fantasma e fatiscente guidata da un’amministrazione comunale che non realizza nulla. Assente la manutenzione ordinaria, assenti le opere pubbliche, assente la programmazione, spopolamento del centro storico con un immobilismo da parte dell’amministrazione comunale assordante e preoccupante, assente l’attenzione alla Marina ed ad oggi si è arrivati anche ad un calendario delle manifestazioni estive dove addirittura viene decantata la prima Sagra del cinghiale! 

Siamo arrivati proprio all’assurdo! 

Siamo ormai arrivati a costringere i nostri concittadini ad “emigrare” nella vicina Vasto - fortunatamente a pochi chilometri da San Salvo- dove gli eventi estivi già svelati dall’amministrazione Menna sono di grande livello e di richiamo per la Città e di cui San Salvo fortunatamente potrà godere: dal Siren Festival a Fiorella Mannoia, da Caparezza a Annalisa, da Allevi a Ofenbach, ed è questa solo un’anticipazione dell’estate vastese 2018. 
A San Salvo assistiamo invece giorno dopo giorno al declino della città per colpa di un’amministrazione totalmente incapace di governarla, con una concezione turistica assente, con una prospettiva del futuro inesistente. Dopo l’aumento delle tasse con il debito pro-capite che aumenta, questo ora è davvero troppo !
 

Condividi su:

Seguici su Facebook